fotogallery

The Boy and The Beast, il capolavoro di animazione arriva in Italia

ROMA – Lucky Red porta nelle sale italiane The Boy and The Beast, capolavoro di animazione giapponese firmato Mamoru Hosoda, al cinema il 10 e l’11 maggio.
Kyuta è un bambino senza genitori. Smarritosi per le vie di Tokio, si ritrova in un universo parallelo dove incontra Kumatetsu, una creatura simile ad un orso che lotta per vivere. Kumatetsu prende Kyuta sotto la sua protezione e gli insegna tutti i segreti dell’arte del combattimento. Ormai cresciuto, il giovane Kyuta torna a Tokio mosso dal desiderio di riscoprire le sue origini. Lì scoprirà l’amore e una verità che non credeva più possibile… Ma proprio nel momento in cui sembrava raggiunta la serenità, i nemici del passato si ripresentano minando la sicurezza dell’intera città. Sarà pronto Kyuta per dimostrare a Kumatetsu di essere il più forte?

Al timone del pluriacclamato “La ragazza che saltava nel tempo” – tra più importanti sceneggiatori e registi del cinema di animazione a livello mondiale – Mamoru Hosoda torna alla regia dopo uno stop di tre anni.
Per il suo film precedente del 2012, Wolf Children – in Italia per Dynit – Mamoru Hosoda ha fondato lo studio d’animazione Studio Chizu.
E’ stato solo all’inizio del 2013 che il regista ha iniziato “a riflettere, per circa un anno, su The Boy and The Beast, assieme al mio team – spiega Hosoda. – In seguito, ho impiegato sei mesi per scrivere la sceneggiatura, che ho completato nel febbraio del 2014, e poi, un mese dopo, abbiamo iniziato a preparare gli storyboard. L’animazione del film era divisa in quattro parti. Abbiamo iniziato a lavorare sulla prima a maggio, e alle altre dal giugno 2015, e per un periodo di undici mesi.”

Dopo aver preso parte a importanti lavori per la Toei Animation come Dragon Ball Z ( 1993), Slam Dunk (1994 – 1995), Sailor Moon (1996), esordisce alla regia di un film di animazione nel 2000 con Digimon, Il Film (2000), basato sulla famosa serie, della quale ha anche diretto diversi episodi televisivi.

Nel 2005 per il Madhouse studio dirige la versione cinematografica della serie One Piece – One Piece: L’Isola Segreta del Barone Omatsuri.
In quello stesso anno è al timo del suo terzo film di animazione, La Ragazza che Saltava Nel Tempo, acclamato da pubblico e critica.
Nel 2009 firma la sua prima sceneggiatura per Summer Wars, diretto da Hosoda stesso, enorme successo in Giappone che all’estero.

Wolf Children , il primo film prodotto dalla sua società nel 2012, è stato un enorme successo di critica e di pubblico, con 3.44 milioni di spettatori in Giappone.

Il record imposto in Giappone da Wolf Children è stato poi sorpassato ad agosto del 2015 da The Boy and the Beast, dopo un solo mese di programmazione nei cinema.
Questo nuovo trionfo conferma Mamoru Hosoda come uno dei più importanti sceneggiatori e registi del cinema di animazione a livello mondiale.

the boy and the beast