Il Muse di Trento

Il Muse di Trento

 

2 Aprile 2016: quattro classi sono pronte ad una visita straordinaria: il Muse di Trento.

Alle 7:00 di mattina siamo pronti alla partenza: docenti e alunni delle classi 2AI-2BI-2AT-2AM.

I pullman ci aspettano al parcheggio: nuovi, puliti e con autisti simpatici (e durante il viaggio anche comprensivi malgrado la nostra vivacità).

Dopo 2.30 di viaggio in autostrada siamo a Trento.

Il Muse si presenta con imponenza ai nostri occhi con le sue strutture di vetro a forma di catene montuose: così l’ha pensata l’architetto Renzo Piano.

Il Museo funziona da appena tre anni e ci si appassiona tra le sale allestite in modo moderno e tecnologico.

Ogni materiale esposto è infatti accompagnato da didascalie e da approfondimenti multimediali.

I vari piani sono disposti in modo che il visitatore si faccia con chiarezza un’idea della flora e della fauna presente sul pianeta in base all’altitudine, latitudine e periodizzazione storica.

Inoltre sono presenti aree di approfondimento tecnologico e di giochi interattivi per bambini e ragazzi.

La nostra mattinata è articolata in due momenti: la prima di visita autonoma, la seconda di visita guidata, quest’ultima per approfondire con il coach il tema dell’evoluzione del nostro pianeta.

La pausa pranzo è arrivata per il nostro gruppo verso le 13:00, mentre per gli altri gruppi tra le 12:00 e le 14:00.

Consumato il nostro pranzo, ovviamente la partitella di calcio: semplicemente fantastica.

Nel pomeriggio un giro in centro e una visita al Duomo e al Crocifisso Ligneo che ha visto i lavori della Controriforma del XVI secolo.

Infine il rientro alle 18:30.

Cosa aggiungere: tutto bello e sicuramente da ripetere e consigliare ad altre classi.

Parigi Michael 2AI Informatica I.S.S.S. “Riva” Sarnico (BG)

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it