Una scuola fantastica (che non c’è)

Una scuola fantastica (che non c’è)

 

Io vorrei una scuola
ma che scuola non è:
una scuola strana,
e altrettanto i professori.
Niente libri
Né serate a studiare
e tanta noia.
Una scuola diversa davvero,
dove si impara divertendosi
e il professore non abbia paura a dirti
“Vai a divertirti: hai fatto abbastanza”.
Viaggi e non foto
né tabelle da memorizzare.
Immaginare, non studiare,
vivere tranquilli e in pace
senza l’angoscia di andare a scuola
Insomma, una scuola tranquilla e serena.

Francesco Vadi
Classe 1A – Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it