ambiente

Estate sulla cresta dell’onda? Ecco le cinque spiagge italiane migliori per fare surf

surfROMA – Non c’è bisogno di volare fino in California o in Australia per cavalcare l’onda perfetta. Anche nel nostro Paese ci sono località dove è possibile trovare onde alte e potenti, soprattutto in primavera e autunno.

Le prime spiagge italiane che hanno radunato gli appassionati della tavola sono state quelle della Versilia, ma nel tempo i surfisti hanno scovato piccoli angoli di paradiso su tutte le coste dello stivale, che ogni anno richiamano centinaia di appassionati anche dall’estero che si cimentano in surf, windsurf e kitesurf.

Partendo dalle preferenze degli utenti che amano cavalcare le onde, il portale PaesiOnLine ha individuato le 5 mete migliori per tutti gli appassionati di questo sport.

Portovenere_222459487La Roccia di Portovenere, nel Golfo di La Spezia

Partendo dai lidi più a nord, sul versante tirrenico gli utenti del portale segnalano Roccia di Portovenere, nel Golfo di La Spezia, vicino all’Isola di Palmaria. Qui il vento raggiunge anche i 40 nodi, offrendo ai surfisti onde a tratti molto alte, spinte dai venti di nord-ovest e nord-est. Località estremamente raffinata ed elegante, Portovenere offre, però, un tratto molto ridotto di spiaggia effettivamente balneabile, e dunque bisogna fare attenzione agli scogli, ma senza rinunciare a uno dei surf-spot più belli di tutto il Mar Ligure.

Spiaggia dei Sassi Neri, vicino SiroloSirolo Spiaggia dei Sassi Neri - Luca Boldrini

Sul versante Adriatico marchigiano, invece, una meta perfetta si trova tra i rilievi del Conero e le sue acque cristalline, ovvero la Spiaggia dei Sassi Neri, vicino Sirolo. Qui il consiglio per i surfisti è quello di raggiungere il largo in barca, dove potranno cavalcare onde alte qualche metro durante le mareggiate, spinte dai venti provenienti da nord e sud-est. Si raggiunge facilmente da Ancona attraverso la litoranea per Sirolo, e non presenta alcun servizio. Un vero luogo incantato (e poco frequentato) per i surfisti più solitari.

Sperlonga_419780218La spiaggetta di Torre Capovento, Sperlonga

Tornando sul mar Tirreno, e scendendo più a sud, incontriamo la spiaggetta di Torre Capovento, a qualche chilometro da Sperlonga, nel Lazio. Un piccolo paradiso non molto frequentato e per questo adatto ai surfisti che vogliono scoprire il rapporto “autentico” con il mare. Affiancata da un picco che la circonda lateralmente, Torre Capovento presenta le condizioni ideali per mareggiate piccole e medie, in condizioni di vento di scirocco o comunque proveniente dai quadrati sudoccidentali e sudorientali.

Il reef roccioso di Roachland, StintinoStintino_241730317

Passiamo ora alle grandi isole italiane, che per via delle particolari condizioni geografiche sono perfette per i cacciatori di onde! Il reef roccioso di Roachland, non lontano dalla Punta de Su Turrione, a pochi chilometri da Stintino, è una delle località più amate dai surfisti in tutta la Sardegna. Affacciata appieno sul Mediterraneo occidentale, presenta una conformazione molto interessante con mareggiate che si spostano prevalentemente da ovest, spesso soggette a venti diretti molto forti, ideali per la formazione di onde alte diverse metri. Una località incontaminata, dove vengono organizzati appuntamenti sportivi come la Stintino Contest, amata da surfisti e windsurfisti.

baia di mondelloLa baia di Mondello

Scendiamo ora nella calda Sicilia, dove a pochi chilometri da Palermo troviamo la splendida baia di Mondello, una delle più belle e apprezzate dell’isola. Qui ogni anno si tiene la Merit Cup World Windsurf Festival, tra gli eventi italiani più famosi per il gran numero di windsurfer che ogni anno raggiungono il nostro paese da ogni parte del mondo per prendervi parte.