tech

Lastello, l’ultimo saluto al caro estinto anche in Italia ha la sua app

lastelloROMA –  L’ultimo saluto al caro estinto? Ora lo si può organizzare con un click. Si chiama Lastello ed è la prima app – tutta italiana – dedicata al mondo dei funerali.

Nello specifico si tratta di un comparatore di funerali e agenzie funebri. Obiettivo: semplificare un processo che spesso, per i parenti, non è poi così semplice. In pochi minuti – grazie a Lastello – si può scegliere il tipo di funerale e tutti i dettagli ad esso connessi, scegliendo ovviamente la propria area geografica di appartenenza. Fatto un preventivo, il contratto vero e proprio va solo firmato nell’agenzia prescelta. Organizzare l’ultimo viaggio del proprio caro non è mai stato così semplice.

Lastello è nata solo sei mesi fa ma già ha riscosso un successo inaspettato, diventando esempio di come la creatività può essere sfruttata in ogni settore.


Ecco l’intervista di diregiovani.it ai fondatori della start up che ha fatto nascere Lastello.

Come vi è venuta in mente l’idea di creare un’app sui funerali?

“Dopo un periodo iniziale di ricerche e di studi, abbiamo scoperto che online non era disponibile alcun tipo di servizio incentrato sui funerali o sulle onoranze funebri. Lastello nasce proprio per colmare questa mancanza, dando così agli utenti web uno strumento nuovo, unico nel suo genere, capace di garantire trasparenza, risparmio economico e servizi di alta qualità. L’idea è di riuscire a soddisfare le esigenze di tutti coloro che si trovano a dover vivere un lutto, permettendo loro di risparmiare tempo e denaro, e dando allo stesso tempo anche la possibilità di elaborare il dolore nel miglior modo possibile: avendo meno incombenze a cui pensare infatti, si ha l’opportunità, oggi purtroppo più unica che rara, di riflettere sulla vita, sulla morte, sui sentimenti provati per la persona scomparsa. Lastello insomma non è un mero comparatore di prezzi, non vuole essere un sito freddo e privo di sentimenti, ma anzi vuole dare un aiuto concreto a coloro che lo utilizzano, quasi fosse un amico fidato che arriva nel momento del bisogno”.

Qual è la vostra storia? Raccontateci qualcosa di voi…

“Dietro a Lastello c’è una vera e propria web agency dove lavorano persone appassionate di informatica, nuove tecnologie e mondo digitale. Siamo tutte accomunate dal desiderio di innovazione, dal desiderio cioè di portare nel mondo del web una ventata di aria nuova, fresca, un cambiamento, se possibile, perché no, una piccola rivoluzione. In tre abbiamo iniziato il percorso di Lastello: Riccardo Pirrone, Gianluca Pirrone e Francesco Gnarra. Il nostro team nel corso delle settimane però è cresciuto notevolmente: oggi vantiamo, ad esempio ,anche la collaborazione con web content professionisti e copywriter che si occupano di redigere testi e reportage per il blog della piattaforma. Il blog non deve essere considerato come una sezione secondaria e di poca importanza: si tratta di un contenitore di informazioni utili e preziose per tutti coloro che devono organizzare un funerale, ma anche per gli addetti al settore, e di uno spazio dove scoprire curiosità, aneddoti, storie e leggende legati in qualche modo al culto della morte”.

Come funziona Lastello?

“Gli utenti web che hanno bisogno di organizzare un funerale non devono far altro che inserire tutte le informazioni necessarie all’interno del motore di ricerca: l’area geografica di appartenenza e la tipologia di servizi che si desidera sfruttare. Il motore effettua una comparazione dei prezzi e permette di scoprire quali sono le agenzie funebri più adatte per le proprie esigenze e per le proprie tasche. A questo punto l’utente non deve far altro che scegliere l’agenzia e aspettare una mail di conferma con il preventivo. In seguito avviene il contatto con l’agenzia per concludere il contratto”.

Dopo i primi sei mesi di “attività” che accoglienza sta ricevendo Lastello? Agli italiani  piace l’idea di poter organizzare l’ultimo saluto ai propri cari con un click?

“Questi primi sei mesi di attività hanno portato con sé delle sorprese eccezionali. Non ci attendevamo dei numeri particolarmente positivi, soprattutto perché in passato abbiamo avuto delle delusioni con altri progetti web. I numeri invece che ci siamo trovati di fronte sono stati elevati, capaci di farci capire da subito che avevamo avuto un’idea vincente apprezzata dagli italiani. Dopotutto è chiaro da tempo che gli italiani sono alla ricerca di servizi capaci di garantire un ottimo rapporto tra qualità e prezzo, in qualunque settore, quindi, perché no, anche in quello dei funerali. Con il passare delle settimane sono sempre più numerose le agenzie che decidono di registrarsi al portale e sempre più numerose le richieste di preventivo, per non parlare poi delle interviste e degli articoli che ci riguardano usciti su innumerevoli giornali e web magazine”.

Quali sono i vantaggi per le agenzie che aderiscono al vostro progetto?

“Per le agenzie funebri non è semplice ne economico gestire attività di marketing: sono costrette infatti a far leva soprattutto sul passaparola, dato che le pubblicità, di qualsiasi tipo esse siano, potrebbero risultare di cattivo gusto. Su Lastello invece le agenzie funebri hanno la possibilità di mettersi in mostra e di raccontare ai possibili clienti tutti i servizi che mettono a loro disposizione, un portale che può essere utilizzato quindi per ottenere una maggiore visibilità, come se fosse una vetrina a tutti gli effetti. Lastello ha però un altro importante obiettivo: vorrebbe infatti aiutare le agenzie funebri a snellire la burocrazia che devono necessariamente intraprendere. Per riuscire in questa impresa offrirà nel giro di poco tempo anche un gestionale, software in cloud di semplice utilizzo che rendere più veloce la gestione dell’intera attività dell’agenzia”.

Infine, in quale città costa meno morire?

“Tra le città italiane di più grandi dimensioni, Napoli è quella con i costi più bassi: il costo dei funerali si aggira infatti intorno ai 1100 euro contro, ad esempio, i 1600 euro di Roma o i 1450 di Milano. Tra le altre città più economiche ricordiamo Catania dove i funerali si aggirano intorno ai 1200 euro e Palermo dove morire ha un costo di circa 1250 euro. Ovviamente però si tratta di valori medi, perché il prezzo lo fanno le singole agenzie e da agenzia ad agenzia le differenze possono essere davvero ampie”.