fotogallery

Fabio Rovazzi e Matt&Bise: un trio inaspettato per la seconda puntata di Servizi Social

E’ oline la seconda puntata di Servizi Social, in cui Fabio Rovazzi, il re Mida della rete e delle classifiche musicali, cercherà di risolvere i dilemmi “social” dei suoi inaspettati pazienti trasformandosi in un vero e proprio esperto di social network.

seconda puntata di servizi socialMatt&Bise nella seconda puntata di Servizi Social

Accanto al popolare cantante, il nuovo episodio vedrà come protagonista un duo comico molto apprezzato dal mondo dei social network: Matt&Bise, le webstar da milioni di follower, racconteranno a Rovazzi il loro enorme dilemma “social” con il tone of voice originale e sempre molto divertente che li caratterizza.

La web serie è composta da quattro esilaranti puntate, da 1 minuto ciascuna, in cui Fabio Rovazzi, il re Mida della rete e delle classifiche musicali, cercherà di risolvere i dilemmi “social” dei suoi inaspettati pazienti trasformandosi in un vero e proprio esperto di social network.

Accanto al popolare cantante, Servizi Social vede infatti come protagonisti alcune inaspettate star del web e del piccolo schermo: Matt&Bise, duo comico da milioni di follower; Martina dell’Ombra, youtuber famosa per le sue originali interpretazioni dei personaggi più controversi del web; Giancarlo Magalli, storico volto della televisione italiana e ora anche ironico intrattenitore dei social network.

<
>

Servizi Social

Servizi Social è il nuovo progetto di branded content di Wiko, il brand francese di telefonia mobile, prodotto da FremantleMedia, leader mondiale nell’ideazione, produzione e distribuzione di programmi d’intrattenimento e serie televisive.

Originale, divertente e senza filtri, un po’ come Wiko, Servizi Social racconta le nuove generazioni e l’attualissima realtà dei social network che vive principalmente sullo smartphone, con la stessa ironia e irriverenza che contraddistingue il brand più Game Changer del mercato della telefonia: da sempre Wiko si impegna infatti a utilizzare il web come canale di comunicazione privilegiato, trasformando le reti sociali in una linea diretta con gli utenti, per dare loro una voce, ascoltarli e comprenderne le esigenze, creando così una vera e propria comunità di “Wikonauti”.