salute

Combattere le zanzare con le zanzare, la nuova sfida di Google. Il video

Combattere le zanzare

ROMA – Combattere le zanzare con le zanzare. È questa la nuova sfida di Google o meglio di Verily, divisione biotecnologica di Alphabet. Un comparto scientifico che, in precedenza, portava il nome di Google Life Sciences.

Combattere le zanzare con le zanzare, il progetto Debug

Il progetto è stato battezzato Debug e mira alla riduzione delle zanzare portatrici di malattie pericolose come Zika, dengue e chikungunya. Tutte malattie prodotte dalle punture delle zanzare Aedes aegypti. L’idea di Debug è semplice Combattere le zanzare con le zanzare. Rilasciare, cioè, in natura milioni di esemplari maschi e sterili nel periodo della riproduzione. La divisione scientifica di Google si avvarrà della collaborazione di MosquitoMate e del Fresno County’s Consolidated Mosquito Abatement District (CMAD).

Zanzare preparate alla guerra

Le zanzare inserite in natura, saranno rilasciate milioni di insetti ogni settimana, saranno preparate alla guerra in laboratorio. Tutti i maschi, infatti, saranno trattati con il con Wolbachia, un batterio naturale in grado di impedire alle uova prodotte dai maschi e dalle femmine di svilupparsi e di essere covate. In questo modo, i ricercatori, sono convinti di poter abbattere drasticamente il numero delle nuove nate. L’area di Fresno, in California, il campo di questa “battaglia naturale”. Nessuna paura,poi, per le popolazioni umane. I maschi rilasciati, o comunque in generale quelli delle zanzare, non pungono e non trasmettono quindi malattie.