Partecipazione attiva studenti, ecco progetto Get up’

Roma – La partecipazione attiva dei ragazzi, la promozione della loro autonomia.

Su questo verte il concorso che bandisce ‘Roma Capitale’, presentato oggi in Campidoglio alla Sala del Carroccio, alla presenza di studenti e dell’assessore alla scuola Laura Baldassarre e del direttore del dipartimento Politiche sociali, Sussidiarieta’ e Salute, Angelo Marano, promosso dal ministero de Lavoro, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione e col ministero della Salute. ‘Get Up. Giovani ed Esperienze Trasformative di Utilita’ sociale e Partecipazione’ e’ un progetto sperimentale, in fase di avvio in otto citta’ italiane: oltre a Roma, Catania, Bari, Brindisi, Napoli, Bologna, Venezia, Genova.

Il progetto pone al centro la partecipazione attiva dei ragazzi, il protagonismo, la promozione della loro autonomia, l’utilita’ sociale e civile del loro agire sociale. Ai ragazzi viene data una autonomia decisionale sulla definizione del progetto e sulle sue caratteristiche e modalita’ attuative. Il progetto prevede la costituzione di percorsi progettuali, basati su approcci/metodologie rivolti allo sviluppo di competenze, responsabilita’ sociale e autonomia di ragazze e ragazzi.

Destinatari del progetto sono ragazze e ragazzi dai 15 ai 18 anni che frequentano scuole secondarie di II grado delle classi III e IV con il supporto del dirigente scolastico, dei docenti e amministrazioni locali. Previsto l’aiuto di un esperto, un ‘facilitatore’. Ogni gruppo, composto da 12-28 partecipanti, sara’ dotato di un budget massimo di 11.500 euro dei quali 1.500 destinati alla scuola. La scadenza del bando e’ alle ore 12 di mercoledi’ 8 nmovembre 2017 ed entro tale data dovranno pervenire a Roma Capitale le domande complete: i progetti dovranno essere realizzati tra dicembre 2017 e novembre 2018.

Al centro del progetto c’e’ ovviamente la scuola. É attorno ad essa, infatti, che verranno realizzate dai partecipanti al progetto sperimentazioni di auto-gestione e autonomia attraverso la costituzione di cooperative scolatiche o esperienze di Service Learning attuate dagli studenti che, attraverso una organizzazione che li responsabilizzi, anche sotto l’aspetto gestionale e organizzativo, potranno realizzare attivita che abbiano una ricaduta sulla comunita’ locale. Tra gli obiettivi, quelli di sostenere e promuovere le capacita’ di auto-organizzazione, autonomia e assunzione di responsabilita’ da parte dei partecipanti; far si’ che possano valorizzare il contesto scolastico come luogo ideativo di progetti che coinvolgano anche i territori e il tessuto locale circostanti.

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it