attualita

Convegno Aidu, l’edizione di quest’anno tra relazionalità e orientamento

Convegno AiduROMA – ‘Relazionalità e Orientamento’. È il tema scelto dai docenti universitari dell’Associazione Italiana Docenti Universitari (Aidu, la più grande associazione di docenti universitari cattolici con più di 70 università rappresentate) per l’edizione 2017 del convegno nazionale, che si terrà nel dipartimento di Scienze della Formazione dell’università Roma Tre nella capitale il prossimo 17 Novembre alle 9,30.

Convegno Aidu, la relazione al centro di ogni rapporto

Rimettere la ‘Relazione’ al centro dei rapporti interpersonali e della comunicazione nel mondo dell’università e della scuola, ridando valore al rapporto diretto studente-docente, sempre meno personale e più mediato dalle nuove tecnologie e modalità di comunicazione (come i social network). Strumenti che, al di là della oggettiva utilità, rischiano oggi di diventare protagonisti sine qua non della ‘relazione’, anche all’interno delle scuole e delle universita’, luoghi in cui al centro deve essere l’essere umano, lo studente, che forma e costruisce la sua formazione, e dunque il suo futuro. È questo il grande tema che verrà affrontato nel corso del convegno nazionale, promosso da Aidu in collaborazione con Ufficio Nazionale per l’Educazione (Unesu), la scuola e l’università della Conferenza Episcopale Italiana (Cei), la Federazione Universitaria Cattolica Italiana (Fuci), l’Associazione Italiana Maestri Cattolici (Aimc) e l’Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi (Uciim).

Ridare valore e concretezza alla relazione tra studente e docente, infatti, vuol dire, secondo Aidu, poter incidere positivamente da parte del docente sull’orientamento’ dei giovani, sia nella scelta della facoltà universitaria più giusta per le proprie attitudini e aspirazioni, ma anche per affrontare in maniera consapevole il mondo del lavoro, una volta concluso il percorso universitario. Mondo del lavoro che è oggi in continua e veloce trasformazione, basato sempre più su inventiva, creatività, innovazione, con parole come star-up e spin-off entrate nel linguaggio quotidiano per i giovani alla ricerca di occupazione.

Convegno Aidu, Papa Francesco e l’importanza del lavoro nella vita delle persone

L’importanza del lavoro nella vita delle persone è al centro delle riflessioni di Convegno Aidupapa Francesco, il quale, nella sua prima esortazione apostolica ‘Evangelii Gaudium’, afferma che il lavoro deve diventare l’attività nella quale “l’essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita”, in modo libero, solidale, creativo.

“L’Aidu ha voluto che quest’anno il convegno nazionale fosse ‘interassociativo’- afferma Roberto Cipriani, presidente Aidu e professore ordinario emerito di Sociologia nell’università Roma Tre- perché riteniamo necessario coinvolgere su temi attuali come Giovani-Istruzione-Lavoro tutti i protagonisti del mondo dell’Istruzione: scuole, università, docenti, studenti, istituzioni, esperti del settore”. Nel corso del convegno verrà anche consegnato il Premio Aidu ‘Humboldt-Newman’ 2017 (intitolato a due grandi innovatori del sistema universitario).

Quest’anno, in occasione del cinquantesimo anniversario della morte, il premio verrà assegnato alla memoria di don Lorenzo Milani ed alla Scuola di Barbiana. Saranno presenti docenti di università, scuole secondarie e primarie, rappresentanti del mondo studentesco, istituzioni, esperti, personalità del mondo della Cultura; tra questi, solo per citarne alcuni: monsignor Mariano Crociata, presidente della Cei per l’Educazione cattolica, la scuola e l’università; Ivano Dionigi dell’università di Bologna, Presidente del Consorzio AlmaLaurea; Eraldo Affinati, scrittore finalista ‘Premio Strega’; Daniele Livon, direttore generale del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; e Marco Mancini, capo dipartimento della formazione superiore e ricerca del Miur.