I risultati dell’autopsia sul corpo di Mark Salling, confermata l’ipotesi suicidio

autopsia sul corpo di Mark SallingROMA – Non ci sono più dubbi. I risultati dell’autopsia sul corpo di Mark Salling confermano l’ipotesi suicidio. L’ex star di Glee è morto per asfissia dopo essersi impiccato. Gli esami sul cadavere sono stati completati e presto il corpo verrà restituito alla famiglia per l’ultimo saluto.

Lo scandalo

“Mark vedeva tutto nero – ha raccontato un amico a Us Weekly. Era solo e depresso”. Salling si era dichiarato colpevole per il reato di pedopornografia. Nel 2015, la polizia trovò nel computer dell’attore oltre 50.000 immagini e video pedopornografici. Più altre 4.000 in una pen drive. Foto di bambini dai 3 ai 10 anni. Un reato gravissimo che lo aveva portato all’isolamento. “Dopo lo scandalo, molte persone hanno chiuso con lui – ha aggiunto l’amico -. Qualcuno con cui avrebbe potuto parlare di tanto in tanto c’era, ma i veri amici li aveva persi tutti”.

A marzo sarebbe arrivata la sentenza che, con molta probabilità, lo avrebbe visto finire in carcere. Con le varie attenuanti, si ipotizzava una condanna tra i 4 e i 7 anni. Oltre 20 anni di supervisione e un risarcimento – di circa 50.000 dollari – a ognuna delle vittime. Salling, però, non è riuscito ad aspettare.

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it