Ho un ritardo di 20 giorni, ma Agosto è stato un mese un pò critico...

Ho un ritardo di 20 giorni, ma Agosto è stato un mese un pò critico…

Salve cari esperti! Mi ritrovo qua a contattarvi ancora per un problema serio… Il mio ultimo ciclo è iniziato il 26/7, ho un ritardo di 20 giorni. Agosto è stato un mese un po’ critico, ero molto giù avevo crisi per vari motivi (familiari ad esempio) e magari alcuni giorni non dormivo o saltavo la cena… Ho avuto un solo contatto con il mio fidanzato ad inizio agosto, ma non è stato un vero e proprio rapporto e non mi stavo
preoccupando… Mi sembrava di aver avuto delle perdite tipiche dell’ovulazione (filanti ecc) nell’ultima settimana di agosto ma ancora ad oggi niente mestruazioni.. Siccome da fine agosto ho iniziato gli esami universitari ero molto preoccupata di questo ritardo e ho fatto un primo test di gravidanza il 2 giorno di ritardo del ciclo a 25 giorni dall’unica volta in cui sono stata in intimità con il mio fidanzato ed è risultato negativo, però il ritardo persisteva e ho rifatto il test a 15 giorni di ritardo del ciclo e ha più di un mese dall’ultimo contatto fisico con il mio fidanzato sempre con la prima urina sono stati eseguiti i test… In questi giorni poi sto notando alcune perdite biancastre e dei doloretti alle ovaie e sono molto preoccupata… Posso escludere la gravidanza o è possibile che i test non l’hanno rilevata? Può esserci un ritardo così notevole normalmente?

Paola


Cara Paola,
innanzitutto è bene ricordare che il ciclo mestruale e l’ovulazione possono variare di mese in mese e con essi anche i sintomi che si presentano. Da quanto scrivi ci sembra di capire che il contatto intimo avuto con il tuo fidanzato non porta con sé alcun rischio di gravidanza, in quanto affinché avvenga un concepimento è indispensabile avere un rapporto completo con eiaculazione interna alla vagina e la donna deve trovarsi nei giorni fertili. Quindi attraverso il petting non è possibile instaurare una gravidanza. Per quanto riguarda i sintomi legati all’ovulazione tieni presente che le perdite filamentose possono presentarsi oppure no, non è una regola fissa, possono quindi esserci mesi in cui sono più evidenti e mesi in cui l’ovulazione è più silente e quindi più difficile da individuare. Inoltre un test di gravidanza è attendibile se effettuato dal primo giorno di ritardo o da 14 giorni dopo il rapporto a rischio, ma nel tuo caso ci sentiamo di rassicurarti non essendoci i presupposti per una gravidanza, oltretutto con ben due esiti negativi dei test effettuati. L’accento forse va messo sul periodo intenso e faticoso che hai vissuto ad agosto, racconti che è emersa una preoccupazione per gli esami universitari  che aggiunti alle situazioni familiari possono aver generato una forte tensione interna. Il corpo può risentire del nostro stato d’animo e non è scollegato dai vissuti emotivi che viviamo e quindi la tensione e la preoccupazione potrebbero aver influito sulla regolarità del ciclo portando un ritardo.  Infine i doloretti alle ovaie potrebbero essere segno che il ciclo stia per arrivare.
Ti consigliamo di aspettare ancora qualche giorno e se il ciclo non dovesse presentarsi magari puoi valutare la possibilità di contattare una ginecologa di fiducia per capire il motivo del ritardo.
Speriamo di averti tranquillizzata e chiarito i dubbi.
Un caro saluto!