Imparare a cadere. Un emozionante graphic novel sulla disabilità mentale

Imparare a cadere. Un emozionante graphic novel sulla disabilità mentale

BAO Publishing pubblica il piccolo capolavoro di Mikael Ross ispirato alla storia vera della comunità evangelica inclusiva di Neuerkerode
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Tra i tanti modi per festeggiare i centocinquant’anni di una comunità c’è anche quello di chiamare un autore (e illustratore) affidando a lui storie e racconti. Nasce così Imparare a cadere, il graphic novel di Mikael Ross ispirato alla storia vera della comunità evangelica inclusiva di Neuerkerode. Fuori per BAO Publishing dal 20 febbraio, Imparare a cadere è una storia emozionante e autentica che parla di disabilità mentale in modo illuminante e accessibile a tutti. Un piccolo capolavoro che, attraverso una caratterizzazione dei personaggi incredibile, racconta di crescita, di amore e di amicizia. Neuerkerode è un posto in cui le persone si adoperano ogni giorno per combattere qualsiasi tendenza discriminatoria; un luogo dove viene data a tutti l’opportunità di trovare la propria personalissima felicità, in base alle rispettive capacità individuali.

Noel vive a Berlino con sua madre. Un giorno succede qualcosa, e Noel deve lasciare la sua casa, le sue abitudini, tutto quello che conosce.
Viene mandato in una comunità molto speciale e per la prima volta nella sua vita si trova da solo.
Il mondo cambia forma, per questo ragazzo che vuole suonare la chitarra e ama gli AC/DC. Ci sono infinite cose nuove da imparare e nuove persone da conoscere.

La storia restituisce un quadro realistico della quotidianità del posto e delle sue sfaccettature, in cui trovano spazio spiritosaggini, ottimismo, verità e talvolta angosce, con riferimenti non solo al presente, ma anche – attraverso i flashback – ai terribili eventi di epoca nazista. 

«La formula magica per stare bene a Neuerkerode è: “Chi sei? Ho voglia di conoscerti.” Qui bisogna esporsi, non si ammettono distanze. Ma bisogna anche riuscire ad affrontare il relazionarsi continuo, sia con gli altri sia con se stessi. Se vuoi conoscere davvero Neuerkerode devi tuffarti a piedi uniti nell’affascinante mondo delle persone con disturbi mentali e delle loro particolarità. Per questo siamo stati felicissimi di accompagnare Mikael Ross e la sua arte nell’esplorazione intensa e accurata di questo luogo». Rüdiger Becker, Direttore della fondazione evangelica Neuerkerode.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it