La top ten dei dj della quarantena nel sondaggio di Klaus Davi

Cinquecento i voti di persone tra i 18 e i 50 anni. Il vincitore è Albertino, sul podio anche Gabry Ponte e Jo Squillo 

Roma – Tra i live e le performance più seguiti in quarantena, il mondo del dj set sta intrattenendo più generazioni. Il fenomeno non è passato inosservato agli occhi di Klaus Davi che allora ha lanciato ‘il sondaggione’. Sono in 500, tra i 18 e i 50 anni, ad aver votato il dj della quarantena.

Sul podio Albertino, Gabry Ponte e Jo Squillo, tre artisti che sono sulla scena da più di un decennio. Revival, techno e house sono le scelte musicali dei ‘reclusi’. Al quarto posto c’è il dj madrileno Joseph Lanvel che spopola a Ibiza e, solo al quinto, David Guetta, re insostituibile della dance commerciale. Al sesto posto invece c’è Claudio Coccoluto, uno dei pionieri della musica elettronica e della house sperimentale. Poi  il 24enne olandese Martin Garrix e Ottavo è Erick Morillo, famoso per i suoi mix tra house e ritmi latini. Il romano Giorgio Prezioso è nono, la sua proposta vintage ma sempre iper moderna convince ancora grazie al fascino innato della ‘Italodance’. A chiudere la top ten c’è il milanese Benny Benassi, noto tra l’altro per essere uno dei preferiti della “Queen of pop” Madonna.

2020-04-22T12:27:39+02:00

Ti potrebbe interessare: