Dalla Moldavia Valeria Stoica arriva in Italia come brezza primaverile

Dalla Moldavia Valeria Stoica arriva in Italia come brezza primaverile

La 24enne debutta nel nostro Paese con "Empty Air"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La musica come l’aria non conosce frontiere. Debutta in Italia, dalla Moldavia, con “Empty Air” Valeria Stoica. Come brezza primaverile, la cantante ci contagia con un brano che si muove nell’aria sin dal titolo. 

“Empty Air” è un esempio di canzone ecologista: imita il respiro della natura, ed è al contempo agli antipodi dell’andamento isterico di tutto ciò che contempla l’essere umano. 

Come tutti i sapori genuini, il brano va gustato rispettando i tempi lunghi di madre natura. 

“Empty Air” è pari a una specie protetta: è una canzone che va gustata a più riprese prima che possa entrare nel vostro organismo. E poi farà parte di voi; come un profumo ineluttabile. Perché Valeria Stoica è una vera musicista, conosce il significato del suonare in armonia con gli elementi e sa che la musica viaggia con il vento, è aria da respirare a pieni polmoni. L’unico confine che conosce è quello del pensiero. 

Il video

Se esistesse un manifesto delle regole del sogno, nel primo capitolo troveremmo una definizione del ricordo associato all’uso dello slow motion. Il videoclip di “Empty Air” ci fa intrufolare alle spalle di Valeria Stoica in un ricordo (appunto a rallentatore) che sa di ballo liceale. Tra giovani ragazzi che fluttuano nella “Empty Air” come fossero immersi nel mare, scopriamo la doppia versione di Valeria Stoica: lei è tra il pubblico fisicamente, ma mentalmente altrove, ed è al contempo sul palco sulle note del brano.

In questo ping pong di ruoli le “due” protagoniste tendono a confluire l’una nell’altra, fino a un paradossale faccia a faccia che sa di riflesso speculare. Un effetto “doppio sogno” senza l’obbligo del risveglio. 

Bio

Il percorso musicale di Valeria Stoica inizia all’età di otto anni. Come spesso dovrebbe accadere è la sensibilità del padre che pone sul binario giusto la vita della figlia. La scuola di musica frequentata per volontà paterna apre le porte della sei corde per la piccola Valeria. 

Ma la “sua” voce Valeria la incontra a 16 anni. L’indirizzo lo trova in ascolti casuali su Youtube, scoprendo artisti indipendenti di importante stimolo, ma anche nella musica esiste un primo amore, e per lei sarà sempre ineguagliato: si chiama Damien Rice.  Come il suo idolo anche lei diventa polistrumentista: alla chitarra si unisce il pianoforte, il basso, la tromba, il violoncello. Cantautrice dotata di una voce soffice e carezzevole, ha trovato casa nel coinvolgente mondo del canutautorato. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it