LazioSound, online il bando della Regione per musicisti Under 35

Aperte le iscrizioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Dopo il successo dello scorso anno, la Regione Lazio presenta la seconda edizione di LazioSound, il programma – realizzato attraverso la propria società strumentale LazioCrea –per sostenere la produzione, promozione, distribuzione e l’internazionalizzazione dei giovani musicisti under 35.

Quattro le azioni messe in campo: la prima ad essere promossa è LazioSound Scouting, seconda edizione di un contest riservato ai giovani musicisti emergenti che, fino al 25 novembre, potranno candidarsi gratuitamente caricando direttamente il loro brano sul portale del progetto www.regione.lazio.it/LAZIOSound.

LazioSound è finalizzato alla valorizzazione dei talenti del Lazio, per diffondere la cultura musicale giovanile e favorire nuova produzione artistica, incentivandone la presenza sul mercato.

Saranno cinque le categorie relative ai generi musicali: ‘God is a producer’, ‘Songwriting heroes’, ‘Urban king’, ‘Jazzology’ e ‘I love Mozart’. Le opere candidate verranno esaminate da una giuria di qualità costituita da alcuni dei protagonisti del panorama musicale nazionale, che selezioneranno i primi cinquanta semifinalisti.  Dieci per ogni categoria. Questi, poi, dovranno sottoporsi a una seconda votazione, questa volta effettuata dal pubblico, che potrà scegliere i propri preferiti online. I restanti tre finalisti per ogni categoria, si esibiranno poi live in un grande evento dedicato allo Spazio Rossellini, gestito da Atcl per Regione Lazio.

Tutti i quindici finalisti verranno poi ospitati a Radio Rock. I cinque musicisti vincitori del contest, inoltre, verranno accompagnati passo passo nella produzione, promozione, circuitazione, formazione e distribuzione discografica. In particolare, ogni vincitore verrà sostenuto nella produzione artistica ed esecutiva di un brano e di un videoclip, nella distribuzione sulle piattaforme digitali del brano prodotto e in una serie di consulenze e supporti operativi relativi alla comunicazione social e alla promozione stampa.

I video verranno, invece, rilanciati sui principali media web italiani di settore. Sul fronte del sostegno all’internazionalizzazione verrà realizzato un live/show case e un’intervista con un media di settore di rilevanza internazionale. Infine, il vincitore assoluto di tutti i contest, che verrà decretato durante la finalissima, sarà premiato con la produzione professionale di un intero album.

“Con LazioSound- ha commentato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – vogliamo dare nuove opportunità ai giovani, per incentivare la creatività e per sostenere percorsi di vita di ragazze a ragazzi che desiderano intraprendere la carriera musicale. Per i giovani può essere difficile affacciarsi in un mondo così complesso e per questo motivo puntiamo ad accompagnare gli artisti, sostenendoli dalla produzione alla diffusione del loro brano”. Il presidente ha, poi, aggiunto: “Abbiamo sempre messo al centro dell’agenda politica l’innovazione e la creatività come elementi centrali dello sviluppo del territorio regionale, e questo programma regionale in particolare è finalizzato alla valorizzazione dei talenti del Lazio, per diffondere la cultura musicale giovanile e favorire nuova produzione artistica, incentivandone la presenza sul mercato. Un’attività che a maggior ragione quest’anno, con una crisi pandemica che ha fortemente colpito il settore dello spettacolo dal vivo, acquista ancora più importanza”.

La prima edizione di LazioSound – che ha registrato 600 iscrizioni per un totale di 1.250 artisti e 5 eventi dal vivo nel territorio regionale – è stata il punto di partenza per la costruzione di un set di azioni trasversali con l’obiettivo di intervenire in ogni settore dell’intera filiera musicale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it