Le sette verità sull’amore

Quante volte ci siamo chiesti se esiste il colpo di fulmine e se incontreremo mai l’anima gemella? La letteratura è pervasa da storie d’amore ma più si diventa grandi più i miti sfumano e spuntano i mille dubbi e le tante domande.
Proviamo a fare chiarezza:

1.ESISTE IL COLPO DI FULMINE?
Secondo Stephanie Ortigue, docente della Syracuse University (USA), già in 0,2 secondi dopo il primo contatto visivo possono nascere sentimenti d’amore. Secondo l’esperta questo sentimento di amore si sviluppa in dodici aree del nostro cervello, che lavorano tutte insieme per rilasciare sostanze chimiche che inducono euforia, come dopamina, ossitocina, adrenalina e vasopressine. Tutto ciò può avvenire così velocemente da meritarsi la definizione di amore a prima vista.

2.L’AMORE È DIVERSO DALLA PASSIONE E DAL DESIDERIO?
Una delle componenti fondamentali dell’amore è l’attrazione fisica per il proprio partner, tuttavia l’amore emozionale è diverso dal desiderio sessuale. La prima fase dell’amore è infatti caratterizzata dall’attrazione. Stati di insonnia, mancanza di appetito, sensazione di possedere energia inesauribile sono segni tipici che portano alla seconda fase che è quella dell’innamoramento. Gli innamorati tendono a isolarsi e iniziano a mettere in atto tutta una serie di comportamenti che hanno una sorta di effetto calmante: tenersi per mano, abbracci teneri, usano il baby talk (particolare modalità di parlare che proprio per il tono di voce particolarmente dolce e l’utilizzo di diminutivi ricorda quello tra madre e bambino).

3.L’AMORE SI ALIMENTA DA SOLO?
L’amore intenso e passionale non può durare in eterno e la relazione sentimentale non perde il suo valore emotivo, ma semplicemente si trasforma. Come dice Galimberti “L’amore non è una condizione passiva, ma una costruzione attiva”, fatta di alti e di bassi, di crisi e di conflitti, e proprio questi ultimi se accompagnati da volontà e motivazione possono far crescere e rinforzare il legame di coppia.

4.SE SI AMA NON SI HA TEMPO PER GLI ALTRI?
Quando si è innamorati non non necessariamente si escludono tutti quelli che non sono oggetto del proprio amore, può sembrare ma l’amore è come una lente di ingrandimento attraverso cui si guarda il mondo. Quando si ama si affrontano la vita e le relazioni sociali con maggiore positività.

5.L’AMORE PUO INIZIARE SUI SOCIAL?
Zygmunt Bauman ha coniato il termine “amore liquido” per riferirsi alle relazioni fragili nate sui social network. L’amore è un emozione che coinvolge tutti i sensi. Sarebbe importante trasportarlo nella realtà e se non dovesse andare bene sarà pur sempre un esperienza.

6.L’AMORE È PER SEMPRE?
Non c’è niente di male in un amore che finisce. Era comunque amore, solo che poi si è esaurito. La parte più difficile è far capire all’altra persona che si è cambiata idea. Altre volte invece l’amore continua senza fatica. L’importante è accettare l’evolversi del sentimento amoroso per comprendere quando svanisce o semplicemente si trasforma

7. AMARE FA SOFFRIRE?
L’amore, in alcuni momenti, può far soffrire, perchè quando si tiene a una persona ci si preoccupa per lei, oppure ci si può sentire trascurati all’interno del rapporto, insicuri, si può provare gelosia, si possono dire e sentire verità scomode, si può sbagliare, etc… 
Quando, però c’è una base affettiva, con il dialogo, la dedizione e la perseveranza tutto si può superare.

L’amore è l’amore, tutti prima o poi lo provano.
Per il partner o in senso più ampio per la famiglia. È un legame importante fondato su grandi valori che richiedono impegno, fiducia e anche una buona capacità di mettersi alla prova, l’importante e non rinunciarci.

Lo sapevi che….

  • Ci sono molti testi in letteratura che parlano del desiderio e dell’amore che permettono di vedere come questo sentimento cosi importante sia cambiato nelle varie epoche storiche. Pensiamo al più classico Romeo e Giulietta dove si intersecano amore e divieti  o a Anna Karenina dove il desiderio fa da padrone.

  • Nel 1997 lo psicologo Arthur Aron e i suoi colleghi pubblicarono un saggio sul Personality and Social Psychology Bulletin che si intitolava “Experimental Generation of Interpersonal Closeness(Creazione sperimentale di intimità interpersonale). Volevano scoprire se fosse possibile creare un contesto artificiale, “da laboratorio”, in cui due sconosciuti potessero legare tra loro e costruire un’amicizia profonda, o addirittura un rapporto romantico, in meno di un’ora.

Dubbi e domande:

Anonima, 17 anni
Mi fa arrabbiare per qualsiasi cosa, litighiamo fino ad urlarci contro…
Anonima,
So solo che il “per sempre” della relazione mi terrorizza…
Anonima, 23 anni
Ho un vero sentimento nei suoi riguardi o è una fissazione?…


In questa scena del film “Manuale d’amore” viene bene descritta la fase dell’innamoramento…

Autore: L'èquipe degli esperti
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it