Sto riscontrando un ritardo nel ciclo di circa una settimana…

Salve, contatto gli esperti per una domanda riguardante la sezione ginecologia. Sono una ragazza di 20 anni e sto riscontrando un ritardo nel ciclo di circa una settimana. Di solito ho un ciclo regolare che può variare di 2/3 giorni quindi mi sto preoccupando. Sono attiva sessualmente ma sono sicura al 100% che tutti i […]

Salve, contatto gli esperti per una domanda riguardante la sezione ginecologia.

Sono una ragazza di 20 anni e sto riscontrando un ritardo nel ciclo di circa una settimana.
Di solito ho un ciclo regolare che può variare di 2/3 giorni quindi mi sto preoccupando.
Sono attiva sessualmente ma sono sicura al 100% che tutti i rapporti che ho avuto sono protetti. Il mio partner utilizza sempre preservativi e, per mia sicurezza personale, eiacula sempre al di fuori di me. Inoltre nessun preservativo è risultato bucato.
La mia “preoccupazione” riguarda le eventuali tracce di liquido nelle mani, o magari se accidentalmente mi abbia toccata o mi sia toccata con le mani sporche. Ovviamente facciamo molto caso a questo pulendoci sempre bene con dei fazzoletti e prestando attenzione ad evitare eventuali contatti.
Non sto riscontrando nessun sintomo strano se non il mal di pancia da ciclo che avverto da circa 2/3 giorni. Ma il ciclo ancora non si è presentato.
Dovrei preoccuparmi?
 
 
Anonima, 20 anni

Cara Anonima,
il ciclo mestruale sembra essere apparentemente un orologio perfetto che ripete ciclicamente delle fasi senza subire mai variazioni.
In parte questa grande precisione è reale e garantisce la continuità della specie ma bisogna tenere a mente che l’apparato riproduttivo subisce l’influenza di molteplici fattori interni (comunica con gli altri organi e risente delle oscillazioni ormonali) ed esterni (condizioni climatiche, condizioni ambientali, stress).
Per tali motivi, un ritardo e variazioni della regolarità in generale possono verificarsi senza necessariamente significare una situazione allarmante.
L’arrivo delle alte temperature, i possibili cambiamenti di dieta di questi ultimi giorni potrebbero aver influito sulla regolarità.
Se i rapporti sono stati protetti è altamente improbabile che possa avvenire un concepimento.
Per quanto riguarda la possibilità che tracce esterne di liquido seminale possano fecondare un potenziale ovulo possiamo chiarire che una risalita autonoma di eventuali spermatozoi dal contatto con superfici o dalla parte più prossima ai genitali esterni è impossibile. Per una fecondazione è necessaria la spinta eiaculatoria la quale è in grado di lanciare a grande velocità e distanza gli spermatozoi verso le profondità uterine.
Ti suggeriamo di stare serena e di monitorare la situazione nel tempo. I sintomi che ci riferisci probabilmente sono riferibili all’imminente arrivo della mestruazione.
Torna a scriverci se ne senti il bisogno.

 
2021-07-22T16:59:27+02:00