regione lazio

Regione promuove tirocini antidiscriminazione

giovani lavoroRoma – Assicurare parita’ di accesso ai diritti di uguaglianza e lo sviluppo di opportunita’ di inserimento lavorativo a quei soggetti che sono a forte rischio di discriminazione nell’accesso al mercato del lavoro, per il loro orientamento sessuale e identita’ di genere. Questo l’obiettivo dell’Avviso, pubblicato sul sito dell’assessorato al Lavoro della Regione Lazio, per promuovere tirocini per un valore totale di 80 mila euro a chi, come Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender (LGBT) ancora oggi – lo confermano dati Istat – subiscono discriminazioni nel mondo del lavoro. L’Avviso nasce come una delle azioni conseguenti a un Protocollo d’Intesa, al quale ha aderito la Regione Lazio, e relativo progetto interregionale, che si propone di rafforzare la rete per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni. Possono partecipare all’Avviso e promuovere i tirocini i soggetti accreditati per i servizi per il lavoro nel Lazio, pubblici e privati, e gli enti e le associazioni del settore. Le attivita’ previste dall’avviso non si fermano all’attivazione del tirocinio ma comprendono anche la presa in carico e l’orientamento e, al fine di assicurare la massima efficacia, la mediazione che ha il compito di guidare e gestire la qualita’ delle relazioni interpersonali e facilitare l’integrazione e la creazione di ambienti di lavoro favorevoli.

“L’avviso e’ il primo atto derivante dal Protocollo d’Intesa per una rete interregionale per il contrasto delle discriminazioni al quale ha aderito la nostra Regione. L’obiettivo e’ quello di creare opportunita’ di accesso al lavoro tramite un tirocinio, che in questo caso rappresenta anche uno strumento per contrastare pregiudizi e stereotipi legati all’orientamento sessuale delle persone. In questa fase le associazioni di settore svolgono un ruolo importante per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’accompagnamento della persona per tutto il periodo dello svolgimento del tirocinio – spiega l’assessore regionale al Lavoro, Lucia Valente – Con questo avviso compiamo un altro passo contro le discriminazioni nel mondo del lavoro. A conferma che ancora ci sono discriminazioni per le persone LGBT, non sono solo i fatti di cronaca di cui leggiamo ogni giorno ma anche i dati Istat e Unar dai quali risulta evidente che le persone trans gender continuano a essere a forte rischio di marginalizzazione e sono spesso escluse dal mondo del lavoro”. Le domande dovranno pervenire in Regione entro e non oltre il 12 marzo 2015. Per informazioni [email protected] A conclusione dell’intervento la Regione Lazio organizzera’ un workshop per presentare gli esiti dell’iniziativa anche in un’ottica di rilevamento di eventuali casi di best practice da esportare in altre Regioni.