regione lazio

Al via ‘Nati per leggere’

nati-per-leggereRoma – Ha inizio il 14 novembre fino al 12 dicembre Nati per leggere, il progetto promosso da Regione Lazio – Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili, in collaborazione con l’Associazione Italiana Biblioteche sezione Lazio. Dodici incontri con autori, sceneggiatori, illustratori, esperti di letteratura per l’infanzia, nelle biblioteche della regione Lazio per promuovere la lettura in eta’ prescolare. La promozione della lettura, in particolar modo in eta’ infantile e nell’adolescenza, rappresenta un fondamentale presupposto per lo sviluppo culturale, economico e sociale degli individui. E’ inoltre riconosciuta dalla letteratura scientifica internazionale l’importanza della lettura in quanto facilita i processi di sviluppo cognitivo e relazionale di bambini e adolescenti.

Nel progetto promosso dalla Regione Lazio in collaborazione con la sezione Lazio dell’Associazione Italiana Biblioteche, sono state coinvolte tutte le figure che gravitano intorno alla promozione della lettura dei piccoli nella fascia di eta’ 0-6 anni, la stessa del progetto Nati per Leggere, nato nel 1999, promosso dall’alleanza tra bibliotecari e pediatri insieme all’Associazione Italiana Biblioteche, l’Associazione Culturale Pediatri e il Centro per la Salute del Bambino Onlus. Le sei biblioteche coinvolte ospiteranno un incontro aperto agli adulti, rivolto in particolare ai genitori dei bambini nella fascia di eta’ 0-6 anni e un incontro dedicato a 50 bambini selezionati nelle scuole del territorio.

Per Lidia Ravera, assessore alla Cultura e Politiche giovanili della Regione Lazio “Le biblioteche sono luoghi necessari. Indispensabili. Sono un fondamentale luogo di incontro, aggregazione per i cittadini di ogni eta’ del territorio circostante, compresi bambine e bambini. Leggere e’ come respirare, ossigena il cervello, fa vivere. Con un nuovo bando biennale abbiamo di recente stanziato 1,8 mln di euro per lo sviluppo dei sistemi culturali e le attivita’ di divulgazione culturale, un’azione che interessa anche le 256 biblioteche del Lazio e i 10 sistemi bibliotecari regionali. Abbiamo lavorato fin dal nostro insediamento per estendere e potenziare la rete bibliotecaria regionale, per aumentare il numero degli utenti dei servizi culturali e migliorare l’accessibilita’ dei servizi culturali, non solo per ospitare il pubblico ma per andare incontro al pubblico. L’idea e’ ascoltare. Esserci. Mettere i cittadini nella condizione migliore per consumare cultura. Anche il progetto Nati per Leggere va in questa direzione”.

Il calendario degli incontri e’ consultabile al seguente link