percorsi di legalita

Giorno della Memoria dedicato alle vittime del terrorismo

Roma – È stato celebrato oggi, con una cerimonia ufficiale a Palazzo Madama, il  Giorno della Memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice, ricorrenza istituita nel 2007, alla presenza del Presidente del Senato Pietro Grasso, del Ministro dell’Interno Marco Minniti, del Sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo, della Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi e dei congiunti di Walter Rossi, Claudio Graziosi e Carlo Casalegno, vittime del terrorismo.

Prima della cerimonia, il Sottosegretario De Filippo ha sottoscritto il rinnovo del Protocollo d’intesa con una serie di Associazioni di familiari delle vittime del terrorismo e delle stragi, la prima intesa era stata siglata il 9 maggio 2014. Obiettivo del Protocollo è promuovere la collaborazione tra le Associazioni firmatarie, le istituzioni scolastiche e il sistema universitario per sviluppare un programma comune di attività educative e iniziative didattiche finalizzate ad una più approfondita conoscenza dei fenomeni terroristici e dei processi di radicalizzazione violenta nella storia d’Italia e a conservare nelle giovani e nei giovani la memoria delle vittime del terrorismo.

Nel corso della cerimonia, inoltre, sono state premiate le scuole vincitrici del concorso “Tracce di Memoria”, promosso dal Miur in collaborazione con la Rete degli archivi per non dimenticare e la Direzione generale archivi del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e giunto ormai alla terza edizione. Il concorso, rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado, quest’anno invitava studentesse e studenti a rintracciare nel proprio territorio luoghi dedicati alla memoria delle vittime dei terrorismi, della violenza politica e della criminalità organizzata, analizzando come questi fatti siano stati ricordati; a ricostruire la biografia di una delle vittime, prediligendo la scelta di storie appartenenti al proprio territorio; a proporre alle istituzioni locali l’organizzazione di un’iniziativa pubblica (una nuova intitolazione, l’organizzazione di un dibattito pubblico) affinché la vittima adottata trovi un suo spazio nella memoria collettiva e, infine, a fissare attraverso le immagini (foto, video, disegni) i luoghi e i contesti.

“Il rinnovo del Protocollo con le Associazioni di familiari delle vittime del terrorismo e delle stragi di matrice terroristica è un momento molto importante di questa giornata di commemorazione perché rinnova l’impegno delle Istituzioni, in questo caso del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a coltivare la memoria delle vittime del terrorismo e a diffonderla tra le nostre ragazze e i nostri ragazzi sin dai primi anni di scuola – ha commentato il Sottosegretario De Filippo -. Approfondire gli episodi legati al terrorismo e alle stragi consente alle giovani e ai giovani di comprendere più a fondo il presente in cui vivono, conoscendone le radici, e di acquisire strumenti per meglio interpretare il futuro e il proprio ruolo di cittadini e costruttori della società del domani. Proprio per questo, mi ha fatto molto piacere premiare le alunne e gli alunni delle classi vincitrici del premio ‘Tracce di Memoria’ i cui lavori ci dimostrano quanto le giovani generazioni siano interessate a conoscere il nostro recente passato e quanto appassionatamente sappiano accostarsi a temi dal forte impatto come le stragi o il terrorismo”.