campagna consapevoli oggi

La pillola anticoncezionale

pillola anticoncezionaleLa pillola è un anticoncezionale relativamente recente che fu messo a punto nel 1956 dal medico americano Gregory Pincus. In Italia viene venduta dal 1967, inizialmente solo per fini terapeutici. Bisognerà arrivare al 1971 per ottenerne la vendita come contraccettivo. La pillola è un metodo anticoncezionale ormonale che inibisce l’ovulazione. E’ di facile assunzione: se ne prende una al dì, solitamente alla stessa ora, per 21 giorni consecutivi e poi si fa una pausa di 7 giorni, durante i quali si presentano le mestruazioni. L’assunzione del primo blister va effettuata all’inizio del ciclo.

L’utilizzo della pillola anticoncezionale varia molto in base all’educazione, allo stato civile, all’età, alla nazione di appartenenza e alle tradizioni culturali. Dopo la sua introduzione ebbe un grande impatto sociale. Nel nostro Paese solo una donna su dieci in età fertile fa uso della pillola, contro quattro inglesi e otto tedesche su dieci. I vantaggi sono molti: ha un’efficacia contraccettiva elevatissima, è facile da prendere e, cosa più importante, non influisce affatto sul rapporto sessuale. Questo aspetto è rilevante perché, non dovendosi interrompere durante l’atto sessuale, consente di lasciarsi andare totalmente e di vivere in modo più sereno e rilassato la propria intimità. Rimane il fatto che, per garantire la totale protezione, è necessario seguire le istruzioni in modo preciso, cercando di evitare dimenticanze e rispettare l’ora di assunzione.

Ci sono delle persone che non sono favorevoli ad assumere farmaci per paura dell’impatto sulla propria salute e alcune donne non possono prenderla per problemi cardiovascolari o predisposizione ad altre patologie. Quindi, prima di assumere la pillola anticoncezionale, bisogna fare una visita medica che accerti che non ci siano controindicazioni. Infine bisogna sempre tenere presente che la pillola non protegge dall’esposizione alle malattie sessualmente trasmissibili. Per un uso appropriato del contraccettivo, è bene sempre consultare il proprio ginecologo, solo attraverso un esame accurato e analisi specifiche, ci si può accertare di essere idonei alla somministrazione e si può individuare il tipo di pillola più adatto alle proprie caratteristiche ed esigenze, riducendo così anche i possibili effetti collaterali. Bisogna quindi evitare assolutamente assunzioni fai da te!