regione lazio

Regione Lazio al Vinitaly insieme agli studenti degli istituti alberghieri

Roma – Un maxi padiglione da 1.800 metri quadrati per 65 produttori locali e 100 etichette: sono i numeri record con cui il Lazio si presentera’ alla 51esima edizione del Vinitaly, il Salone internazionale del vino e dei distillati a Verona dal 9 al 12 aprile.

Lo ha annunciato presso lo spazio Moby Dick, a Roma, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, assieme all’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Carlo Hausmann, l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati, e il direttore generale di VeronaFiere, Giovanni Mantovani.

Dalle scenografie oniriche dell’artista romana Alessandra Carloni, alla presenza nello stand degli studenti, ai prodotti tipici anche gastronomici, lo stand del Lazio mostrera’ ai visitatori le bellezze e la cultura, soprattutto enogastronomica, del territorio. Il racconto della tradizione vinicola sara’ affidato a produttori, tecnici, agronomi e giornalisti, che animeranno il Padiglione con 20 appuntamenti in calendario durante le giornate fieristiche.

E per l’occasione si terra’ la terza edizione del contest ‘Il territorio in tavola’ a cui parteciperanno i giovani studenti di quattro istituti, tra cui l’alberghiero di Amatrice, che saranno ambasciatori delle eccellenze enogastronomiche regionali. Inoltre la Regione Lazio e l’Arsial hanno offerto a proprie spese la profilazione sui vini dei produttori espositori in fiera, i cui risultati saranno presentati durante il Vinitaly. I campioni sono stati analizzati da due commissioni (Panel Tecnico e Opinion Maker) con l’utilizzo di due differenti schede: la scheda enologi concorsi (OIV) e una scheda articolata su circa 40 descrittori per definire il profilo sensoriale secondo i descrittori di primo livello e i relativi descrittori di secondo livello.

“Quest’anno la Regione Lazio avra’ un padiglione di 1.800 metri quadrati dedicato al vino ma anche in parte all’olio. E’ davvero una bella scommessa, porteremo gli studenti e le studentesse degli istituti alberghieri di Frascati e di Amatrice affinche’ ci sia una comunita’ che guarda al mondo. Vinitaly e’ forse uno degli appuntamenti piu’ importanti al mondo porteremo i nostri prodotti, vino e olio, ma soprattutto l’economia della bellezza, fatta di paesaggi che si vedranno nei monitor, il buon cibo che si potra’ degustare, e il vino che ovviamente sara’ al centro di tutte le giornate”. Cosi’ il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine della presentazione.

“Siamo molto contenti perche’ raggiungiamo il record di presenze di produttori di vino del Lazio: sono 65 aziende per oltre 100 etichette. Tutti i piu’ grandi produttori del Lazio saranno al nostro stand, questo e’ il frutto di un acquistata credibilita’ raggiunta grazie al lavoro del presidente e della giunta, e siamo molto contenti anche del rinnovo della presenza dei ragazzi delle scuole”. Lo ha detto l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati. “Dobbiamo cooperare per competere, nell’economia globale oggi da soli non si va da nessuna parte. Il nostro assillo e’ creare lavoro, creare ricchezza, creare i nuovi ambasciatori come questi giovani che verranno da noi- ha aggiunto Rosati riferendosi agli studenti dei quattro istituti laziali che faranno uno stage allo stand- abbiamo intrapreso da tempo un lungo viaggio per fare uscire la nostra societa’, la nostra economia dalla paura. Il nostro sforzo e’ creare le condizioni di ricchezza e lavoro soprattutto per i giovani. E’ la vera grande sfida delle classi dirigenti”.