regione lazio

Imprese, Zingaretti: “Aiutiamo i giovani a farne una”

Roma –  Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha assistito stamani alla finale della ‘Startupper School Jam’, gara organizzata da Bic Lazio per conto della Regione e finalizzata a selezionare il migliore business model tra quelli proposti dai ragazzi delle scuole del Lazio che hanno partecipato all’iniziativa. ‘Startupper School Jam’ e’ una delle quattro azioni previste dal programma ‘Startupper School Academy’, ideato per stimolare la propensione al fare impresa e accrescere la conoscenza del Por-Fesr 2014-2020 da parte degli studenti delle scuole superiori.

“La Regione aiuta i ragazzi delle scuole a costruire un’azienda attraverso questo grande progetto ‘Startupper School Jam’- ha detto Zingaretti- E’ una rivoluzione che rafforza il ruolo formativo della scuola unendo alla necessita’ di studiare anche le prime indicazioni per aprire un’attivita’ imprenditoriale e farsi strada nel mondo. Credo sia importante perche’ e’ un modo per dare opportunita’ a tutti, non solo a chi vive in una famiglia ricca o in una grande citta’, accanto a un sistema che l’aiuta a fare impresa. E quindi e’ una grande operazione a sostegno dello sviluppo, dell’uguaglianza delle opportunita’, che dimostra che vogliamo investire sui ragazzi del nostro territorio”. Secondo Zingaretti “sono venute fuori delle idee geniali e non e’ detto che tra di loro non ci sia un futuro capo di una multinazionale che grazie alle idee avute qui aiuti tutti a vivere meglio”.

L’evento di oggi e’ molto importante e i risultati sono di rilievo: i sette progetti presentati dai giovani finalisti sono molto validi, segno che gli incontri di questi giorni sono stati una ottima palestra per tutti i partecipanti e hanno aggiunto un tassello in piu’ alla loro formazione”- ha dichiarato l’assessore della Regione Lazio allo Sviluppo economico, Guido Fabiani. I business model finalisti in tutto sono 7, con 3 ex aequo a Roma: Spazio Attivo di Roma (Local Buddy, Liceo Scientifico “Righi”, Roma; Re-Born, Liceo Ginnasio “Manara”, Roma; Eutopia, IIS “Confalonieri – De Chirico”); Spazio Attivo di Latina ( Digital System Recognition, IIS “C. e N. Rosselli” di Aprilia): Spazio Attivo di Ferentino (Watering device, IIS “A. Volta” di Frosinone); Spazio Attivo di Viterbo (Etruscan Tatoos, IIS “V. Cardarelli” di Tarquinia); Spazio Attivo di Rieti (Hide and Seek, Istituto Magistrale “E. Principessa di Napoli” di Rieti).