Che stress, le interrogazioni

Caro diario,
oggi, invece delle solite giornate scolastiche, vorrei raccontanti di una delle – ad essere sincera – poche volte, che un’interrogazione mi è andata male. Era un’interrogazione di francese, non avevo studiato molto bene e non sapevo la pronuncia di alcune parole, anche se sapevo che avrei dovuto ripetere a memoria quel breve testo che avevo scritto. Era mattina e non mi preoccupavo né di quello che sarebbe successo né di ripassare, anche se non riuscivo bene a concentrarmi di mattina presto. E quando ho sentito la professoressa sbagliare il mio cognome ho capito che toccava a me ripetere il mio racconto della giornata e a quel punto è iniziata a salire l’ansia, non i ricordavo niente né di quello che avevo scritto né di tutte le pronunce delle parole, che in quel momento mi sembravano scritte in aramaico. -Le … matin … je me …- Insomma tutto quello che dicevo era un balbettio.
-Ma come Gomèz-
-Torres- l’ho corretta. -Tu che sei così brava allo scritto non mi sai dire alcune sciocchezze all’orale?-
E in effetti era vero, erano proprio sciocchezze e il mio nervosismo si trasformò il delusione e anche rabbia perché ero stata così ingenua nel non prepararmi al meglio e ora ne pagavo le conseguenze. Ma non volevo tenermi quel 6 per tutto il quadrimestre, volevo recuperare e questa volta l’avrei fatto seriamente, studiando come si deve. Così tornando a casa mi sono fatta coraggio e ho iniziato ad imparare a memoria quel testo che mi aveva fatto bloccare davanti a tutta la classe come un baccalà. Con Google traduttore, per le pronunce, e il mio peluche Roger la Tartarug, per ripetere, di sicuro questa volta non potevo sbagliare. E il mercoledì successivo io con la mia convinzione sopravvalutata ho alzato la mano e la risposta, dopo che avevo studiato una settimana intera, fu : -Mi dispiace Gonzàles-
-Torres. Il mio cognome è Torres-
-Decido io chi interrogare!-.
E così la mia convinzione si trasformò in delusione totale e a quanto pare mi dovrò tenere il 6 in orale per tutto il quadrimestre, pers fortuna nello scritto Roger non mi può aiutare.

Alessandra Torres IIA
ICS Giotto Cipolla Palermo