giornalisti-in-erba

Genitori omosessuali? Come gli etero (ovviamente)

 

“I bambini di una coppia gay sono come quelli delle coppie normali?” Quante volte è stata detta questa frase? Quanti l’hanno sentita? E soprattutto in quanti hanno tentato di spiegare all’ignorante di turno quanto si stesse sbagliando?
Fortunatamente recenti studi accademici hanno smentito questa già appurata idiozia. Un nuovo studio pubblicato sul “Journal of Development & Behaviour Pediatrics” riapre il dibattito sulle famiglie in cui i genitori sono una coppia dello stesso sesso: a parità di stabilità familiare, la salute e il benessere dei bambini non cambia.
Henry Bos, lo studioso che ha condotto la ricerca all’Università di Amsterdam, ha identificato 190 coppie campione, 95 famiglie con i genitori dello stesso sesso e 95 con genitori di sesso diverso; nessuna di queste famiglie ha subito cambiamenti drastici (divorzi o separazioni) dopo l’arrivo dei bambini. I ricercatori hanno raccolto i dati attraverso dei colloqui telefonici con l famiglie sulla salute e il comportamento dei bambini e sul rapporto che avevano con i genitori; ciò che è venuto fuori non ha stupito: non esiste alcuna differenza tra un bambino allevato da genitori dello stesso e tra un bambino che invece ha genitori di sesso diverso; le uniche differenze che si sono presentate con evidenza sono state la capacità di apprendimento e la salute del bambino, che sono maggiori dove la relazione genitore-figlio è postiva. Nathaniel Frank, direttore del What We Know Project, ha detto che questo studio “conferma le conclusioni raggiunte da almeno 73 altri studi accademici”.
Grazie a questo e a molti altri studi è possibile dare una prova tangibile a tutti quelli che non considerano una coppia omosessuale capace di creare un ambiente familiare idoneo a crescere un bambino, a tutti quelli che non sono capaci di vedere l’ovvietà di qualcosa anche quando è sotto il loro naso.

Eleonora Metti
Classe 4E – Liceo Classico Statale “Galileo” di Firenze