giornalisti-in-erba

Il bambino monello

C’era una volta un bambino molto monello.
Solo in una settimana riusciva a fare tantissimi guai.
Però prendeva tantissime note.
Una volta picchiò una bambina, una volta scrisse sui muri della scuola, una volta scarabocchiò su un quaderno di un altro bambino e un’altra volta spezzò la matita.
Prima della fine dell’anno la maestra disse che lo voleva bocciare.
Allora lui, piangendo, le disse “Ti prego, ti prego, non mi bocciare”. La maestra, impietosita, non lo bocciò, lui diventò bravo e da allora vissero tutti felici e contenti.

 

NU CRIATUR’ SCUGNIZZ’ (Dialetto Salernitano)
Ce stev nà vot’ nu criatur’ assai scugnizz’.
Dinto a na semmana riuscev’ a fà na muntagn’ e uai!
Mperò s’abbuscav’ nù sacc’ e not’ ra maesta.
Na vot’ vattett’ na criatura, na vot’ scrivette ncopp’ i mur’ ra’ scola, nata vot’ facette nu’ scarafone ncopp’ a nu quatiernu e n’atu criaturo e na vot’ spezzaie nu’ lapis.
A maesta, primm’ ca fernev’ a scol’ dircett’ ca’ ‘o vulev’ boccià.
Allor’ o criature, chiagnenn’, a priaie “pe’ piacere, pe’ piacere nun mè boccià”.
A maestra, pigliata a pietà, nun ‘o bocciai, isso addeventai nu’ brav’ criature e ognunu campai filice e cuntent.
Antonio A. Istituto Comprensivo Bravetta – 3 B, Plesso Loi- Roma