giornalisti-in-erba

Il mio prof

 

Ero perso,
niente da dire,
non ero felice
e a scuola boccheggiavo
come un pesce nella rete
finché qualcuno non mi ha preso
all’amo.
Ma non era negativo:
dentro di me era successo qualcosa:
ero cambiato,
e finalmente sereno.
Tutto era partito dalle spiegazioni
di un professore:
non erano come tutte le altre,
ma divertenti
e piene di progetti insieme a noi,
tra computer e lavagne interattive.
A me prima non piaceva leggere:
non volevo proprio saperne della lettura
ma, da quando il professore
ci ha incominciato a presentare libri,
ho scoperto che i romanzi non sono
tossici, ora
leggere mi piace di più,
mi appassiona, mi diverte
e mi apre infinite porte
in testa.

 
Devid Carloni
Classe 1D – Scuola Secondaria di primo grado “Puccini” di Firenze