Io e mia madre in cucina

Di esperienze con la cucina ne ho avute tante, soprattutto perché a mia madre piace tanto la cucina ma soprattutto le piace sperimentare nuove ricette.
Io a volte cerco di imparare a cucinare qualche dolce che mi piace, come le ciambelline al vino, che ogni domenica faccio con mia madre, e mio padre ci guarda e pure lui cerca di dare il suo contributo.
Un giorno, quando erano venuti i miei nonni, ho provato a cucinare un dolce, che nella mia famiglia è come una tradizione ed è la CREPES.
Questo dolce è molto facile ma allo stesso tempo buonissimo ed è conosciuto un po’ da tutti i miei amici, perché mia madre cucina sempre come merenda questa bontà.
Nella cucina ancora non sono bravissima, però ho tanta voglia di imparare ricette nuove, e magari quando diventerò una madre forse sarò brava a cucinare, ma sempre con l’aiuto di mia mamma.
Non ho mai fatto bruciare niente quando cucinavo qualcosa, perché anche se cucino io ho sempre la sorveglianza di mia madre e mio padre; infatti sono sempre tranquilla perché se sbaglio qualche passaggio ho comunque mia mamma che mi ferma.

Dei giorni quando vado a casa di mia zia, imparo a cucinare il pesce, perché avendo Lei la casa al mare, ogni volta che andiamo da lei lo mangiamo.
Ancora con il pesce sono abbastanza impacciata, ma imparerò pian piano, come ho imparato tante altre ricette.
Dall’altra mia zia della Sicilia, invece, imparo moltissime ricette facili e buone; oltre a dei cibi salti, cuciniamo anche dolcetti squisiti, che ancora devo imparare, infatti, ogni estate quando vado in Sicilia ci provo sempre ad imparare, e alla fine riesco a fare qualcosa.
Insomma, nella mia famiglia tutti sono bravissimi nella cucina e, soprattutto, la amano e portano passione: alla fine è questo l’importante e io continuerò ad amarla e proverò a diventare bravissima a cucinare, sopratutto grazie a tutti i consigli dei miei genitori e parenti.

Martina Giannetto 2 A
I.C. Pallavicini-plesso Bachelet-Roma