giornalisti-in-erba

Piccione viaggiatore

Come se sà, i piccioni volano

come se sà, i piccioni cercano

come se sà, i piccioni immigrano

come sò io, i piccioni non esplorano.

Oggi ve vojo raccontà la mia storia,

de come ho conosciuto Roma,

ve vojo raccontà la sua gloria,

così bella da lasciamme ‘n coma.

Tra tutte ‘e città c’ho visitato,

Madrid, Parigi, Londra e Berlino,

c’è stata solo Roma

che m’ha lasciato senza fiato,

beato chi ne è cittadino.

Volando tra li Fori, tra ‘e chiese e tra li parchi

nun so’ propio quanno smetterò de visità;

e poi tra ‘e piazze, nel grande Colosseo e nei suoi archi

nun me stuferò de volà qua e là.

Andrò ar Vaticano, sur Cuppolone e nelle fontane,

tra i castelli, ‘e statue e li Tempi,

tra i musei con opere toscane,

e a Villa Ada con i suoi grandi campi.

Aò regà s’è fatta ‘na certa,

me so’ stancato de volà

vorrei tanto fa’ n’antra scoperta,

ma mo s’è fatto tardi, domani continuo a visità.

Oggi me sento molto speciale,

nessun altro piccione aveva fatto come me,

me ricorderò de ‘sta grande Capitale,

bella Roma, racconterò de te.


Edoardo Ciaccia

Istituto Comprensivo Alberto Sordi di Roma

classe IIB secondaria di I grado