giornalisti-in-erba

Troppi compiti alle medie e alle superiori!

 

Secondo i dati che l’OSM ha raccolto nel 2013-2014, gli adolescenti italiani – soprattutto all’età di11, 13 e 15 anni – per l’eccessivo carico di compiti orali e scritti sono sottoposti a uno stress che si è rivelato dannoso per la salute dagli studenti, e che influenza la loro opinione sulle scuole frequentate. Infatti solo il 26% delle ragazze di 11 anni e il 17% dei loro colleghi maschi dichiara che la scuola “piace un sacco”. Però il numero dei ragazzi a cui piace la scuola all’età di 15 anni scende nettamente al 10% e 8%. I ragazzi a cui piace molto andare a scuola sono quelli di nazionalità armena, infatti i loro dati in media corrispondono al 68% per le femmine e al 48% per i maschi. La percentuale dello stress percepito dai quindicenni purtroppo è molto alta (circa il 72% delle ragazze di 15 anni è colpita dallo stress, e il 51% dei ragazzi) anche se i tre quarti dei ragazzi di 11 anni è aiutato a sopportare lo stress dai compagni di classe, mentre circa il 40% degli undicenni rimane anche senza il sostegno dei compagni. Lo stress di questi alunni è dato soprattutto dalla richiesta di impegno, dalle ore di studio e dalla ricerca disperata di determinati voti. Inoltre la pressione viene influenzata sia dal rapporto tra ragazzi e insegnanti sia dal rapporto che i genitori hanno coi docenti e con la scuola e anche dal tempo impiegato dai ragazzi per studiare materie orali o per svolgere gli esercizi scritti. Secondo alcuni il problema potrebbe essere risolto ritarando i programmi attuali.

Riccardo Camajori Tedeschini
Classe 1A – Scuola Secondaria di primo grado “Pieraccini” di Firenze