se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Cosa bisogna evitare in un rapporto per non correre rischi?…

Salve dottori… il mio ‘problema’ è questo: il e il mio ragazzo ci siamo spinti un po oltre i preliminari, infatti c’è stata la penetrazione ma, volendo scendere nei dettagli, non è stata una penetrazione vera è propria perché il pene non è stato inserito del tutto!! La eiaculazione è avvenuta esternamente, ed io avevo il ciclo da un paio di giorni… Posso stare tranquilla o dubitare di qualcosa?
Potreste spiegarmi brevemente cosa bisogna evitare in un rapporto per non correre rischi?
PS: Voglio complimentarmi con voi perché fate del vostro sapere e della vostra professionalità il nostro punto d’appoggio, ci siete di grande aiuto!! Il vostro servizio è fondamentale!! Grazie 🙂

Saretta, 27 anni


Cara Saretta,
ci fa piacere sapere che il nostro servizio è di così grande utilità e le tue parole ci restituiscono la realizzazione del nostro obiettivo di lavoro in équipe.
Per un concepimento è necessario che ci sia un’eiaculazione interna alla vagina nei giorni fertili di una donna. Questo vuol dire orientativamente che il “rapporto completo”, inteso appunto con i presupposti sopra elencati, deve cadere nei giorni dell’ovulazione che  si colloca in linea generale nel periodo tra l’undicesimo e il diciottesimo giorno del ciclo (ti ricordiamo che il calcolo si fa dal primo giorno della mestruazione).
Vogliamo specificare che non è di grande rilievo la profondità della penetrazione (ci scrivi che non è stata completa) quanto piuttosto la presenza di una spinta eiaculatoria interna. Ovviamente, se questa avviene all’esterno, la risalita autonoma degli spermatozoi è altamente improbabile.
Da quello che ci scrivi, sembrerebbe non esserci nessuno di questi presupposti  poiché, oltre alla mancata eiaculazione interna, ti trovavi nel secondo giorno di ciclo e quindi molto probabilmente lontano dal tuo periodo fertile.
In ogni caso, è importante sapere che il coito interrotto non è un metodo anticoncezionale affidabile poiché potrebbe essere difficile stabilire il momento esatto in cui il liquido pre-seminale diventa liquido seminale vero e proprio.
Sapersi controllare in un momento di estremo piacere è spesso complicato.
Per tutti questi motivi il nostro suggerimento è quello di scegliere un metodo anticoncezionale valido che possa farti vivere le tue esperienze in tutta serenità.
Un caro saluto!