se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Assumo la pillola anticoncezionale da 7 anni e mezzo…

Gentilissimi dottori siete sempre gentilissimi, grazie per i vostri consigli.
Credo che andrò dal nuovo medico a chiedere chiarimenti.
Nel frattempo però mi è venuto un altro dubbio e vorrei un aiuto da voi se possibile e chiedo scusa in anticipo se potrei apparire un pò confusa.
Vorrei fare le analisi, vedere com’è la situazione (qualunque sia il risultato)e poi sospendere la pillola per qualche mese. La assumo da 7 anni e mezzo di continuo e credo forse sia troppo. Voi cosa pensate? Ultimamente poi sto riscontrando qualche strano effetto come perdite ematiche più o meno al 14°giorno di assunzione, aumento della pressione sanguigna, macchioline sul viso. Qualche mese fa la mia ginecologa in Italia mia aveva detto che 7 anni di continuo è troppo e che necessitavo di una sospensione di 2 mesi e poi potevo riprendere. Non l’ho ancora fatto perchè avevo ancora un paio di confezioni. Come mi devo comportare? E’ giusto sospendere la pillola anche per 2 mesi? Sul web leggo pareri discordanti, c’è chi dice che la pausa non serve a nulla e che sottopone l’organismo solo ad uno stress inutile portando a frequenti effetti collatarali, c’è invece chi dice, come la mia ginecologa in Italia(mi ha rimproverato), che la sospensione va assolutamente fatta in modo da fare "risvegliare"le ovaie dal loro stato di torpore e riportarle al loro stato naturale. Non vorrei mancare di fiducia nei confronti della categoria, ma non so cosa fare. Potete consigliarmi? Eventualmente la sospensione secondo voi è utile, necessaria?Ribadisco che ho avuto anche un leggero aumento della pressione. Comunque attenderò anche il risultato delle analisi.
Un caro saluto,

Cara Anonima,
è legittimo che insieme alle novità arrivino i dubbi. Rispetto a quanto scrivi, crediamo che la cosa migliore da fare sia un colloquio vis a vis con il tuo medico di base e poi con un ginecologo, per fare il punto della situazione. Puoi attendere i risultati biochimici di laboratorio rispetto all’emocromo e alle analisi che hai fatto, e, dati alla mano, rivolgerti al medico, così da poter avere un confronto chiaro rispetto alle questioni di cui parli: perdite, aumento della pressione sanguigna, durata di assunzione del contraccettivo. Mettendo insieme tutto potrete giungere ad una decisione e, in sede di colloquio, potrai chiedere tutte le informazioni che riterrai opportuno e manifestare le tue perplessità. 
La reazione del tuo corpo all’interruzione è soggettiva così come l’assunzione, ossia, è chiaro che il tuo corpo avrà bisogno di un riadattamento, se deicidi di interrompere, come in genere si ha iniziando a prenderla. Nel panorama scientifico esistono effettivamente due scuole di pensiero rispetto alla necessità o meno di proporre delle “pause” dalla pillola.
Ci sembra che la cosa migliore sia decidere una volta che avrai anche i risultati delle analisi. Magari si scoprirà che questa pillola non è più adatta a te e probabilmente ti verrà consigliata una più adatta. Insomma è tutto sotto controllo, attendi i risultati delle analisi, il consulto e potrai giungere ad una decisione avendo il quadro più chiaro.
Un caro saluto!
,Anonima,27-10-2015,Sessualit�-SeSso � meglio,pillola