esteri

Rocco Siffredi e lo scandalo Le Monde

rocco siffredi le monde 2ROMA – E’ una lunga storia quella che racconta (e soprattutto mostra) Rocco Siffredi ai lettori di Le Monde. L’autorevole giornale francese ha scelto lui per il suo numero monografico dedicato al sesso. Una scelta che, nonostante Siffredi rappresenti nel migliore dei modi il mondo del sesso e del porno, non è piaciuta a tutti. Anzi. Le proteste che sono piovute in redazione non si contano e Le Monde rischia ora di pagare, in termini di lettori e abbonati, a caro prezzo.

Rocco Siffredi e la copertina di Le Monde

Sette pagine e la copertina patinata. È questo lo spazio che il giornale ha deciso di destinare al personaggio Rocco Siffredi. Noto per le sue doti ‘naturali’, l’attore è riuscito – un po’ come già successo a Moana Pozzi – in molti anni di carriera a sdoganare il cinema porno. Armato di simpatia e savoir faire Siffredi ha conquistato i salotti televisivi più esclusivi anche quelli un po’ snob della sinistra. Il ‘ritratto’ integrale dell’attore, nelle sette pagine interne del magazine francese, porta la firma del corrispondente romano del giornale, Philippe Ridet. Le foto sono di un’altra firma del settore, Montanari. In corpertina, a differenza delle pagine interne, Rocco appare in tutta la sua imponenza ma il suo particolare anatomico è debitamente celato da un francobollo

Rocco Siffredi, la difesa del direttore di Le Monde

Provocazione o meno, Marie-Pierre Lannelongue difende a spada tratta la scelta di mostrare nudo l’attore italiano. Sulla sua scrivania, così come sulla sua casella di posta elettronica, centinaia dirocco siffredi le monde lettere di proteste mandate in copia anche al Garante del giornale. La maggior parte firmate da donne. Il nudo maschile, evidentemente, crea ancora scandalo e indignazione anche nella laicissima Francia. “Abbiamo pensato di chiedere al fotografo Matteo Montanari di mostrarci tutto Rocco. Tutto? Sì, tutto – rivendica Marie-Pierre Lannelongue – visto che Siffredi è dotato di uno ‘strumento di lavoro’ di dimensioni titaniche, che ne fanno un oggetto, un personaggio. Bisognava vederlo!”.

Le Monde – l’autorevolezza della testata

Quella del numero monografico non è una scelta nuova da parte della testata francese. In precedenza moda, gastronomia, sport. Ma Le Monde è ben altro. Fu fondato nel 1944 a Parigi da Hubert Beuve- Mery. Una delle sue caratteristiche peculiari è presente già sulla copertina: è pubblicato nel primo pomeriggio ma riporta già la data del giorno successivo. Il primo numero uscì in tutte le edicole il 19 dicembre del 1944 e proprio il 19 dicembre, ma del 1995, ha fatto il suo ingresso trionfale sul web. Le Monde è orientato politicamente verso il centro-sinistra. Il giornale è controllato dai suoi stessi giornalisti, che detengono la quota di maggioranza del gruppo editoriale attraverso la Società dei redattori. Le Monde, in questo modo, garantisce la propria indipendenza dall’invadenza dei poteri forti. Sintetico e con un basso numero di pagine, è molto rigoroso nella descrizione dei fatti di politica francese ed internazionale.