spettacolo

Roberto Bolle porta la sua danza in prima serata su Rai1

roberto_bolle_4ROMA – Sabato 8 ottobre  su Rai 1 la danza incontra la televisione: andrà in onda infatti  “Roberto Bolle – La Mia Danza Libera”, uno show evento in prima serata, che per la prima volta propone, attraverso un nuovo linguaggio televisivo, la danza con la tensione della narrazione.

Dopo aver conquistato spazi ed entusiasmi finora destinati solo al mondo del rock, “The King of dance”, come lo ha definito il New York Times, porta la danza ai suoi massimi livelli in televisione. Roberto Bolle sarà infatti il protagonista su Rai1 di una serata speciale dallo studio allestito all’interno del Teatro Franco Parenti di Milano (una location esclusiva del tutto inedita per la televisione), un tributo straordinario alla sua arte, motivo di orgoglio per l’eccellenza italiana in tutto il mondo.

Per Roberto Bolle lo show è “una sfida”

“Questa serata rappresenta per me una grande sfida – dichiara l’Étoile – Una sfida che ho accettato con enorme entusiasmo e con la consapevolezza di avere un’opportunità storica, che poi è anche il mio grande sogno: far innamorare della danza migliaia e migliaia di persone, portando nelle loro case (e nei loro cuori) la bellezza, la poesia e la magia che è propria di quest’arte. Assoli e passi a due classici e moderni si alterneranno a duetti ironici e leggeri. Un viaggio in un’arte che sa emozionare, coinvolgere, commuovere. Un viaggio nella bellezza, ma all’insegna del divertimento”.

Roberto Bolle accoglierà in studio tanti prestigiosi ospiti che porteranno nello show arte, musica, ironia grazie a performance originali, sorprendenti e a volte anche spiazzanti, come in una narrazione sognante che accompagna il pubblico fino alle radici più profonde della natura della sua danza.

Una serata di grandi ospitiroberto_bolle

Tra loro la grandissima Misty Copeland, la prima Principal Dancer afroamericana dell’American Ballet Theatre di New York – vero e proprio simbolo in America e nel mondo, celebrata dal Time e dallo stesso Presidente Obama – per la prima volta in tv in Italia. Tra le altre star del balletto internazionale che calcheranno il palcoscenico insieme a Roberto Bolle ci saranno anche la giovane Prima Ballerina della Scala Nicoletta Manni e l’incredibile ballerina basca Alicia Amatriain. Mentre Stefano Bollani, il musicista israeliano Asaf Avidan ed Elio, coloreranno con la loro musica alcuni delle performance di danza dello spettacolo.

roberto_bolle_2L’“Étoile dei due mondi” incontrerà anche grandi protagonisti del cinema e dello spettacolo italiano: Paola Cortellesi, Virginia Raffaele e Micaela Ramazzotti. Con loro si creeranno speciali sinergie, con un risultato potente, ironico e sublime insieme, sempre all’insegna della grande qualità. A Luisa Ranieri, invece, il compito di accompagnare questo fantastico viaggio di Roberto Bolle nella sua danza, mentre Francesco Pannofino gioca il ruolo del “doppio” tenendo le fila di vari momenti della serata.

L’esperienza di Bolle al servizio della tv

Primo ballerino al mondo contemporaneamente Étoile del Teatro alla Scala e Principal Dancer dell’American Ballet, Roberto Bolle mette per la prima volta in gioco la sua arte ed è il protagonista assoluto di una imperdibile serata televisiva. La Rai ha voluto scommettere sull’eccellenza italiana costruendo uno show di rara eleganza e tecnologia che in termini contemporanei ricorda la qualità dei grandi show del sabato sera della Rai.

L’esperienza con Giampiero Solari

“Roberto Bolle – La Mia Danza Libera” è un programma di Giampiero Solari e Roberto Bolle. “Mi sono affidato a Gianpiero Solari” afferma l’Étoile dei due mondi “un Maestro, che in Italia ha saputo coniugare la grande professionalità del teatro con l’innovazione del linguaggio televisivo accessibile a tutti”. Così invece Giampiero Solari: “Appena mi hanno proposto di collaborare con Roberto Bolle, ho avuto subito il forte stimolo di realizzare un racconto contemporaneo per rendere la magia della danza in tv, proponendo la bellezza e la grandissima qualità all’interno di un evento popolare”.