fotogallery

Mazinga Z compie 45 anni: auguri al primo robot di Go Nagai

mazinga zROMA – 45 anni fa la penna di Go Nagai diede vita a Mazinga Z, primo di una lunga serie di manga che rivoluzionò l’universo dei “robot” nipponici.
Per la prima volta, infatti, il robot non era telecomandato (Tetsujin) o senziente (Astroganga), ma una macchina da guerra guidata da un pilota umano.

Mazinga Z

Grazie al suo fascino futuristico e ai valori di pace e giustizia per i quali combatte, Mazinga Z è ancora oggi un fenomeno planetario e un’icona contemporanea per chi è cresciuto con i suoi manga e le sue serie tv.

Mazinga Z (titolo originale Mazinger Z), è un manga mecha realizzato da Go Nagai, pubblicato per la prima volta sulla rivista giapponese Shūeisha il 2 ottobre 1972.
Visto il successo del manga, sarà realizzata da Toei Doga (oggi Toei Animation) una serie anime di 92 episodi, trasmessa dal canale Fuji TV a partire dal 3 dicembre dello stesso anno, arrivata anche in Italia su Rai 1 nel 1980.

Mazinga Z è il primo di una lunga serie di opere del grande universo robotico creato da Go Nagai.
Seguiranno Il Grande Mazinga (Great Mazinger) nel 1974, il cui pilota protagonista è Tetsuya Tsurugi e UFO Robot Goldrake (UFO Robo Grendizer) nel 1975, con protagonista Actarus (Daisuke nella versione originale).
L’universo di Mazinga andrà avanti nel corso dei decenni con nuovi manga e anime.

mazinga z (6) mazinga z (4) mazinga z (5) mazinga z (1) mazinga z (2) mazinga z (1) mazinga z (3)
<
>

Confusione all’italiana

In Italia venne fatta un po’ di confusione con le tre serie robotiche, trasmesse nell’ordine inverso rispetto alla messa in onda originale.

La prima serie ad approdare sulle nostre reti televisive fu Goldrake, in onda a partire dal 4 aprile 1978 su Rai 2 con il titolo Atlas UFO Robot.
Seguirono Il Grande Mazinga nel 1979 su rete locali e Mazinga Z nel 1980 su Rai 1.

Questa discontinuità fece perdere il filo tessuto da Nagai per costruire un unico grande universo di Super Robot.

La trilogia “mazinghiana”

Go Nagai aveva creato, infatti, una trilogia “mazinghiana” le cui serie erano collegate tra loro.
Nell’ultima puntata di Mazinga Z compare il Grande Mazinga (pilotato da Tetsuya Tsurugi), un nuovo robot segretamente costruito da Kenzo Kabuto, padre del pilota di Mazinga Z, Koji, chiamato nella versione italiana Ryo.
Lo stesso Koji sarà co-protagonista della terza serie dei Super Robot, Goldrake, al fianco del protagonista assoluto Actarus (Daisuke Umon in originale).
Tuttavia, nella traduzione italiana di Goldrake, Koji è diventato Alcor, perdendo così la sua identità.

Mazinga Z – Infinity

In occasione dei 45 anni di Mazinga Z, Toei Animation ha realizzato il primo film cinematografico sul grande classico di Go Nagai.
Mazinga Z – Infinitysarà proiettato in anteprima mondiale alla Festa del Cinema di Roma il 28 ottobre, per poi arrivare sul grande schermo il 31 ottobre.

Il film è diretto da Junji Shimizu e prodotto dalla Toei Animation.