L’Italia scende in piazza in memoria di Giulio Regeni

Saranno in migliaia a radunarsi in oltre 100 piazze italiane per chiedere giustizia e verità

giulio regeniROMA – A due anni esatti dalla scomparsa di Giulio Regeni, l’Italia si tinge di giallo.
Saranno in migliaia a radunarsi in oltre 100 piazze italiane per chiedere giustizia e verità per il giovane ricercatore torturato e ucciso in Egitto. Alle 19.41, l’ora dell’ultimo messaggio inviato da Giulio il 25 gennaio 2016, i partecipanti alzeranno la loro fiaccola gialla, rimanendo in silenzio per qualche minuto.
L’iniziativa è stata organizzata da Amnesty International e dalla famiglia di Giulio, che parteciperà alla fiaccolata nella piazza di Fiumicello (Udine), paese natale del giovane ricercatore.

“Noi proseguiamo a coltivare una speranza: che quell’insistere giorno dopo giorno a chiedere la verità, quelle iniziative che quotidianamente si svolgono in Italia e non solo producano il risultato che attendiamo: l’accertamento delle responsabilità per la sparizione, la tortura e l’uccisione di Giulio. Quella verità la deve fornire il governo egiziano e deve chiederla con forza quello italiano”, ha dichiarato in una nota ufficiale Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia.

Verità per Giulio

Alle 19.41 del 25 gennaio in decine di piazze italiane mille luci saranno pronte ad accendersi per ricordare la sparizione di Giulio Regeni.
A Roma l’evento si svolgerà in piazza di Montecitorio.
Tutti possono partecipare alle iniziative organizzate per il 25 gennaio: scuole, associazioni, istituzioni, università, singole persone.
Per sapere quali sono gli appuntamenti potete consultare la mappa sul sito di Amnesty International.