Mia figlia è un'astronave, in libreria il primo romanzo di Francesco Mandelli

Mia figlia è un’astronave, in libreria il primo romanzo di Francesco Mandelli

ROMA – Conduttore, attore, doppiatore, regista e ora anche scrittore. Arriva in libreria il primo romanzo di Francesco Mandelli, Mia figlia è un’astronave. Una tenera storia, edita da DeA Planeta, che racconta con disarmante sincerità la paura degli uomini, eterni adolescenti e padri imperfetti. Senza abbandonare la naturale vena umoristica che colora tutte le espressioni del suo poliedrico talento, Francesco rivela così il suo lato più tenero di papà.

La trama

Napo è uno di quelli che, se può sbagliare qualcosa, la sbaglia. Ha quasi trent’anni e vive ancora come un adolescente, complici il suo lavoro di musicista e una storia d’amore finita decisamente male.

Avrebbe bisogno del consiglio di un padre, ma il suo è un tipo davvero strano – un avvocato con la passione dell’edilizia – e tra loro è un continuo duello a chi combina il guaio peggiore. Poi, durante una festa, arriva il colpo di fulmine con una ragazza,  la grande di occasione per diventare finalmente adulto.

Se non fosse che è già fidanzata con un altro…Jacopo è tutto il contrario di Napo: preciso, maturo e affidabile, a volte persino troppo. Da quando è diventato padre della piccola Vittoria, ha scoperto non solo la gioia più assoluta ma anche una naturale predisposizione a sentirsi “mammo”, insospettabile persino per lui. Avere figli però non è solo rose e fiori: col passare del tempo, certi istinti giovanili tornano a farsi vivi, le notti insonni si accumulano, mentre fatalmente si complica il rapporto con la sua compagna…Viola.


Francesco Mandelli (1979) è conduttore televisivo, attore, sceneggiatore, regista, cantante, doppiatore e molto altro. Ha una figlia di tre anni che ha cambiato completamente il suo percorso di uomo e di artista.

mandelli

Formato brossura con alette 14,45€
Formato eBook 9,99€
Pagine 260
Data di uscita 13.11.2018

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it