“New York Serenade”, la guida rock della Grande Mela

​Un libro tra fotografie e racconti per viaggiare sulle tracce della storia del rock​ nei mitici luoghi delle star
Roma – Toglietemi tutto ma non il mio smartphone! Tra le certezze dei millennials​ pare che telefonini e tablet, social e playstation siano in cima alla lista delle cose a cui rinunciare non sia davvero possibile. Eppure questi ragazzi iperconnessi e molto tecnologici fanno sapere di essere sempre pronti a partire. Il viaggio rappresenta per loro la realizzazione di un desiderio e allora sì, per partire, sono davvero disposti a lasciare quelle abitudini che li tiene incollati a internet e pc.
 
Per i più rock, per gli appassionati di musica e per chi desidera mettersi sulle tracce della storia che ha lasciato il segno, c’è un libro da leggere e sfogliare perfetto per entrare nel mondo delle canzoni, dei pensieri e dei ricordi delle star. E allora, se nella wishlist dei posti da vedere c’è scritto New York, buttarsi a capofitto nel mondo di “New York Serenade” è vivamente consigliato.
160 pagine di foto e racconti per scoprire i luoghi della città legati alla storia del rock. Il volume, edito da Skira e firmato da Michele Primi e Ciro Frank Schiappa, mostra come anche nel tessuto urbano globalizzato e omogeneizzato si possano ancora ritrovare l’autenticità e la specificità dei posti attraverso il recupero di storie e memorie a essi connesse. Questa operazione di recupero delle memorie e delle atmosfere della scena rock newyorkese è messa in atto anche attraverso l’utilizzo di testi di registri diversi che accompagnano le immagini.
 
Frammenti di canzoni, pensieri, ricordi degli stessi musicisti e storie sui luoghi rappresentati dialogano con le fotografie, e insieme ad esse ci raccontano della boutique dove Jimi Hendrix passava la maggior parte dei suoi pomeriggi; dell’ex centro di accoglienza per poveri e immigrati nel Lower East Side trasformato in condominio negli anni Ottanta dove abitava Iggy Pop; della prima casa di Patty Smith e Robert Mapplethorpe, del magazzino su Norfolk Street che ospitava il Tonic Club; degli ex locali del New York’s Bottom Line oggi trasformati in un ufficio della New York University. E ancora le storie ormai leggendarie legate al “Chelsea Hotel” e al CBGB, il cuore pulsante del rock.
Un libro “New York Serenade” per mettersi in viaggio e per accendere lo stereo, chissà che a questi millennials non venga voglia di mettere da parte trap e rap per riscoprire i suoni e la poesia di personalità mitiche come – tra gli altri – Janis Joplin, David Bowie e Leonard Cohen.

 

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it