Google Stadia in Italia dal 19 novembre. Ecco come funziona

Google Stadia in Italia dal 19 novembre. Ecco come funziona

La versione gratuita arriverà solo nel 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il futuro dei videogiochi non è una console.
Google Stadia, la piattaforma di gaming online di Big G, uscirà ufficialmente il 19 novembre, anche in Italia.
I primi a poterci giocare saranno gli utenti che hanno acquistato i pacchetti a pagamento di Stadia Pro, ovvero Founder’s Edition e Premiere Edition.
Tutti gli altri dovranno aspettare la versione gratuita, Stadia Base, disponibile nel corso del 2020.

Quali sono le differenze tra Stadia Pro e Base?

Stadia Pro è la versione a pagamento del servizio gaming online di Google.
Permette di giocare con una risoluzione massima di 4K Ultra HD con HDR, una grefica fino a 60FPS al secondo e audio surround 5.1.
Stadia Base, la versione gratuita, ha invece una risoluzione fino a 1080p, frequenza fotogrammi a 60 FPS e audio stereo.

Oltre ad una collezione di giochi acquistabili in qualsiasi momento, con Stadia Pro sono disponibili diversi titoli gratuiti a cadenza regolare e sconti esclusivi su su una selezione di giochi, cosa che non è integrata in Stadia Base.

Acquistando il pacchetto Premiere Edition al prezzo di 129 euro si ottengono tre mesi di Stadia Pro, un Chromecast Ultra e il controller di Stadia per giocare sulla TV e su tutti gli altri schermi compatibili, inclusi laptop, computer desktop e telefoni Pixel 3 e Pixel 3a.
Premiere Edition include anche l’accesso a una raccolta in continua espansione di giochi gratuiti, a partire da Destiny 2: la collezione (incluse le espansioni Ombre del profondo e I rinnegati con pass annuali, La maledizione di Osiride e La mente bellica).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it