Trash presentato ad Alice nella Città. Sul red carpet con Raphael Gualazzi

Trash, sul red carpet con Raphael Gualazzi

Il film d'animazione racconta una fiaba 'green' da non perdere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

E se fossero i rifiuti stessi a desiderare una seconda vita?

ROMA – Scatole, bottiglie, latte. Rifiuti. Abbandonati in strada, nei mercati, sotto i ponti. Ignorati da chiunque. Inerti. Finché non cala la notte. Questo e molto altro è Trash. Presentata alla 18esima edizione di Alice nella Città (la sezione autonoma e parallela alla Festa del Cinema), Luca Della Grotta e Francesco Dafano portano sul grande schermo, distribuita da Notorious Pictures, una colorata, divertentissima e graficamente accattivante fiaba ‘green’,  che vuole sensibilizzare il pubblico ad avere più consapevolezza sulle tematiche ambientali per cercare di limitare la crisi climatica in corso, da risolvere al più presto.

La storia, accompagnata dalla musica di Raphael Gualazzi, ruota attorno ad un rocambolesco gruppo di rifiuti. Slim è una scatola di cartone rovinata. Vive in un mercato, con il suo amico Bubbles – una bottiglia da bibita gassata – e altri compagni. Sopravvive nascondendosi dai Risucchiatori, macchine aspiratutto addette alla pulizia. Slim è rassegnato, non crede più in nulla, neanche alla leggenda della Piramide Magica, un luogo mitico in cui è possibile per i rifiuti avere una seconda possibilità, rinascere ed essere ancora dei ‘Portatori utili’ a se stessi e agli altri, fino a quando un imprevisto cambia il suo destino. 

I registi hanno unito realtà e animazione, sullo sfondo una romantica Roma, per raccontare uno dei temi caldi dell’attualità legati all’ambiente, ovvero il riciclo dei rifiuti e come con le nostre azioni concrete possiamo fare la differenzaE non solo. La pellicola, attraverso la tenerezza e la tenacia dei personaggi, è anche un inno al non arrendersi mai, ma lottare per raggiungere i propri obiettivi, e al non sottovalutarsi per il proprio aspetto ma apprezzarci anche se, come Slim siamo una ‘scatola danneggiata’. 

Trash è un’avventura emozionante, per grandi e piccoli, assolutamente da non perdere!

IL RED CARPET DI TRASH

Il valore e la realtà del riciclo e delle seconde possibilità sono alla base del messaggio che Trash vuole trasferire alle giovani generazioni (e non solo a loro), e anche per questo ha ricevuto il sostegno dei Consorzi italiani per il riciclo degli imballaggi che da oltre vent’anni lavorano per un mondo più sostenibile, impegnandosi affinché ogni imballaggio, a fine vita, non scompaia nell’oblio dei ‘rifiuti’ ma diventi una nuova risorsa da valorizzare. CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) insieme ai Consorzi di filiera (CIAL per l’alluminio, COMIECO per carta e cartone, COREPLA per la plastica, COREVE per il vetro e RICREA per l’acciaio) garantiscono – in Trash come nella realtà quotidiana – che il viaggio dei nostri rifiuti-protagonisti arrivi felicemente a destino.

#TrashIlFilm

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it