Dien Bien Phu 2. In uscita il secondo volume del fumetto sulla Guerra del Vietnam

Il mangaka Daisuke Nishijima disegna uno dei conflitti più problematici dell’età contemporanea, raccontandolo da un punto di vista inedito
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – Daisuke Nishijima è uno dei mangaka più influenti della scena giapponese, a portare le sue storie in Italia ci ha pensato BAO Publishing, grazie alla linea Aiken.

DIEN BIEN PHU

Dien Bien Phu è la serie dedicata un giovane reporter – Hikaru Minami – che nel 1965 finisce a Saigon per raccontare la guerra del Vietnam. Il primo dei 10 volumi è uscito a gennaio e oggi la casa editrice ne annuncia il secondo che sarà in libreria dal prossimo 25 marzo. Il viaggio a fumetti disegna, con uno stile che combina il gusto kawaii a un approccio grafico essenziale, un affresco complesso di uno dei conflitti più problematici dell’età contemporanea, raccontandolo da un punto di vista inedito.

Dien Bien Phu, il secondo volume

Hikaru Minami è arrivato in Vietnam e ha trovato una nazione sconvolta dalla guerra tra interessi economici, una geopolitica frammentata e il desiderio della gente comune di vivere in pace. La storia del giovane reporter dell’esercito USA, di origine giapponese, lascia per un momento Saigon e si addentra nel cuore di un paese lacerato, alla ricerca di una misteriosa guerrigliera.

Nonostante lo stile cartoonesco, Daisuke Nishijima racconta il conflitto più tormentato della seconda metà del Ventesimo secolo con un realismo sconcertante, unico nel suo genere. Questo secondo volume mostra il lento disincanto dell’occhio del giornalista straniero che assiste a un brutale conflitto, e il desiderio di umanità con cui cerca di reagire, fondendo mirabilmente la trama dei protagonisti con la Storia, quella vera.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it