Raffica di insulti contro Dazn: “Possibile truffa a danno degli abbonati”

Piattaforma in tilt anche ieri: pronto un esposto del Codacons, l'associazione a difesa dei diritti degli utenti

24 Settembre 2021

Poche settimane di tranquillità per i tifosi delle squadre di Serie A, poi tutti di nuovo a saltare sul divano, per non dire imprecare. La piattaforma DAZN dà nuovamente segni di scompenso, funzionare a singhiozzo. Molti i disservizi nella serata di ieri, in occasione della quinta giornata di campionato, turno infrasettimanale. Le partite dal più alto tasso di insulti conto la piattaforma streaming sono state Sampdoria–Napoli e Torino–Lazio.


Il Codacons, il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, dopo quest’ultimo problema tecnico ha lanciato un esposto alla piattaforma per possibile truffa e inadempimento di pubblica fornitura: 
“Vogliamo capire se i disservizi che si stanno verificando con eccessiva frequenza sulla piattaforma Dazn possano avere risvolti penali – spiega il Codacons – I contratti stipulati dalla società con la Lega di serie A possono infatti essere equiparati a servizi pubblici, e i problemi tecnici che investono la piattaforma potrebbero realizzare la fattispecie di Inadempimento di contratti di pubbliche forniture ai sensi dell’art. 355 del codice penale, oltre alla possibile truffa a danno degli abbonati che hanno pagato un servizio che non ricevono o di cui godono solo parzialmente”.


Sono stati moltissimi gli abbonati che hanno segnalato disservizi, un moto di indignazione che rimbalza da ore sui social, tra i più famosi Enrico Mentana e Damiano er Faina.

 


Nel frattempo, il team di DAZN si scusa nuovamente per il disagio creato pubblicando un comunicato dove dichiara di risarcire gli utenti impattati dal problema tramite un indennizzo.

 

2021-09-24T12:39:05+02:00