tg - diregiovani

Tg Diregiovani – Edizione del 20 giugno 2017

Nuova edizione del Tg Diregiovani

 

Moda in lutto, addio a Carla Fendi
Il mondo della moda è in lutto. È morta nel tardo pomeriggio di ieri Carla Fendi. Aveva 80 anni ed era malata da tempo. Classe 1937, quarta delle cinque figlie dei fondatori dell’omonima Maison, assieme a Paola, Anna, Franca e Alda, entrò nel settore amministrativo dell’azienda di famiglia, passando poi alla progettazione, fino alle relazioni con il pubblico. Il suo merito quello di aver puntato al mercato americano. Una strategia vincente che ha fatto conoscere il marchio anche a livello internazionale. Poi l’impegno anche al mecenatismo con la Fondazione Fendi che ha sempre sostenuto le arti e l’artigianato. “È un giorno triste per la cultura italiana- ha detto il ministro  dei beni  e delle attività culturali Dario Franceschini- se ne va una donna colta e sensibile di cui sentiremo la mancanza”.

Maturità, i consigli #nopanic di Chef Borghese
“È importante, quando si fa la Maturità, mangiare sia carboidrati che proteine. Perché servono tutti e due. Servono a far funzionare la testa”. Anche Chef Alessandro Borghese partecipa alla campagna #NoPanic del Miur per gli Esami 2017. Un’iniziativa pensata per parlare alle ragazze e ai ragazzi con il loro linguaggio, accompagnandoli all’Esame, via social, con video consigli, grafiche, post sulle principali scadenze. Rivolgendosi in modo diretto ai maturandi lo chef ricorda di “non esagerare nello studiare troppo la notte, perché poi il cervello va in tilt. È come nella cucina: con più di quattro cose in bocca non si capisce il sapore. Mangiate – prosegue – a pasti regolari e, arrivati ad un certo punto, se siete stanchi, posate i libri”. Come riprendere le forze invece? Con “un bel frullato energetico: banana, kiwi, un po’ di latte, un po’ di zucchero, che vi fa bene”. E la mattina dell’Esame? “Fate una sana colazione chiude Chef Borghese – il pasto più importante della giornata e ripassate un altro po’. In bocca al lupo!”.

Il gatto amico dell’uomo da 10 mila anni
A rivelarlo una ricerca pubblicata su Nature Ecology and Evolution coordinata dalla genetista Eva-Maria Geigl del Centro nazionale della ricerca scientifica francese. Gli studiosi hanno analizzato il Dna di 200 gatti vissuti negli ultimi 9 mila anni. Ed è proprio allora che è da ricercare la loro origine come animale domestico. Già in quei tempi, infatti, dalla Romania del Mesolitico all’Angola dei nostri giorni, passando per l’antico Egitto, i felini avevano conquistato il cuore degli umani. L’analisi ha mostrato che i felini di oggi discendono dal gatto selvatico africano e che il legame con gli esseri umani sarebbe nato agli albori dell’agricoltura, nella Mezzaluna Fertile. Questo perché gli animali erano attirati dai topi che insediavano i campi. Gli agricoltori li accolsero con favore perché mantenevano le scorte di cereali libere dai roditori. È così che i gatti si sono diffusi ovunque attraverso le navi commerciali egiziane, arrivando anche in Europa.

Il figlio di Madonna al Benfica, la popstar si trasferisce in Portogallo
Madonna ha deciso di cambiare vita. La popstar si trasferirà in Portogallo. Il motivo? Sostenere il figlio preso dal Benfica. David Banda, 11 anni, avrebbe, secondo i giornali inglesi, impressionato i talent scout della squadra portoghese. Con il Benfica si è allenato per una settimana e ha colpito in attacco come esterno sinistro. Fonti vicine a Madonna hanno sottolineato che il sogno del ragazzo è quello di seguire le orme di Cristiano Ronaldo. Così la popstar ha deciso di appoggiare in maniera totale il figlio adottato nel 2006. “Per loro voglio essere quella madre che io non ho avuto”, ha detto Miss Ciccone più volte riferendosi ai suoi figli. La popstar così, oltre ad aver festeggiato il tesseramento con una foto su Instagram in cui veste una maglia del Benfica, avrebbe comprato una villa a Lisbona, nella zona di Sintra, non lontana dai campi di allenamento. In totale 3300 metri quadri pagati ben 6 milioni e mezzo di euro. Il trasferimento dell’intera famiglia è previsto per l’inizio dell’anno scolastico.

Atari torna sul mercato
L’annuncio è arrivato all’E3 2017 di Los Angeles. È qui che Fred Chesnais, CEO di Atari, ha annunciato che “siamo tornati nel business dell’hardware”. Nata nel 1972 da Nolan Bushnell e Ted Dabney, all’Atari si deve il lancio dell’home gaming con i suoi famosi giochi arcade. Da Pong a Space Invaders, da PacMan a Asteroids. Veri e propri monumenti del divertimento casalingo che intere generazioni hanno letto e apprezzato come una vera e propria rivoluzione. Un business ed una supremazia durata fino agli anni ‘80. Poi sono arrivati i giapponesi della Nintendo prima e della Sony poi a stravolgere e innovare il mercato. Oggi è pronta a tornare con quella che, con ogni probabilità, si chiamerà AtariBox. Una console che dovrebbe montare tecnologia da Pc.