Luca Parmitano la preparazione in attesa della passeggiata spaziale

Luca Parmitano la preparazione in attesa della passeggiata spaziale

E’ tutto pronto sulla Stazione spaziale internazionale per la prima missione extraveicolare nella storia di un astronauta italiano. Intorno alle 14:10 (ora italiana) di domani, 9 luglio 2013, il maggiore Luca Parmitano, astronauta dell’Esa (European space agency) e pilota sperimentatore dell’Aeronautica militare italiana, uscirà dalla base orbitante assieme al collega della Nasa, Chris Cassidy per una Eva (Extra vehicular activity) di circa 6 ore.



Nel corso della "passeggiata spaziale", Parmitano svolgerà dei lavori di manutenzione all’esterno della stazione per la sostituzione di alcuni componenti danneggiati, la rimozione dell’esperimento "Misse" e la sistemazione di alcuni cavi per preparare la base al prossimo arrivo del nuovo modulo russo Mlm.



Parmitano uscirà dalla stazione per secondo, dopo Cassidy, e sarà la prima volta in assoluto che un astronauta italiano fluttuerà nel vuoto cosmico, vincolato alla Iss solo tramite il tubo che alimenta la sua tuta Emu (Extravehicular mobility unit) lo speciale scafandro pressurizzato, una sorta di "astronave indossabile", utilizzata durante le cosiddette "passeggiate spaziali".



"L’attività extraveicolare – ha spiegato a TM News il maggiore Paola Verde, ufficiale medico dell’Aeronautica militare italiana – è probabilmente la più estrema delle attività condotte nello spazio, mette il corpo ad altissimo rischio e dipende in tutto e per tutto da una fune che lo collega alla Stazione spaziale internazionale. In quel momento la sua pressurizzazione, ventilazione, ossigenazione, termoregolazione dipende da questo filo che lo collega alla stazione". 



Streaming live video by Ustream



Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it