Altro successo per Solar Impulse: nella penultima tappa, atterra al Cairo dopo due giorni di volo [VIDEO]

successo per Solar Impulse

Successo per Solar Impulse nella penultima tappa del viaggio

Il velivolo Solar Impulse è caratterizzato dalla possibilità di librarsi senza combustibile in quanto alimentato ad energia solare. Lo scopo finale del progetto è quello di dimostrare la possibilità di circumnavigare il globo in 20-25 giorni.

La costruzione del secondo velivolo, noto come Solar Impulse 2 (codice di registrazione svizzero HB-SIB) è iniziata nel 2011. Il completamento era inizialmente previsto per il 2013, con una circumnavigazione del globo di 25 giorni prevista per il 2014.


Partnership e patrocini di Solar Impulse

Il progetto è in parte finanziato da società private come Solvay, Omega SA, ABB, Deutsche Bank, Schindler, Bayer MaterialScience (divisione del gruppo Bayer), Altran Technologies e Swisscom. Il Politecnico Federale di Losanna, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e la Dassault forniscono la necessaria competenza scientifica e aeronautica. Le celle fotovoltaiche di Solar Impulse sono progettate e realizzate da SunPower

Da aprile 2008, il progetto Solar Impulse beneficia anche del patrocinio della Commissione europea.


INCREDIBILE: La Russia vuole costruire un bombardiere per attacchi nucleari dallo spazio


Tuttavia, un cedimento strutturale del longherone principale del velivolo, verificatosi durante la prove statiche nel luglio 2012, ha provocato ritardi nel programma dei test di volo. Il primo volo del Solar Impulse 2 è stato effettuato alla base aerea di Payerne il 2 giugno 2014 con ai comandi ancora il pilota collaudatore Markus Scherdel.

L’apertura alare di HB-SIB è di 72 m, superiore a quella di un Jumbo Jet 747 e di poco inferiore a quella di un Airbus A380, il più grande aereo passeggeri di linea nel mondo.[16]

Il velivolo è dotato di cabina non pressurizzata ma di ossigeno supplementare e vari supporti ambientali per permettere al pilota una quota di volo di 3 600 m (12 000 ft).

Partito da Siviglia, è arrivato alla sedicesima e penultima tappa l’aereo fotovoltaico che ha compiuto il giro del Mondo senza aver utilizzato una goccia di carburante

Solar Impulse rientrerà ad Abu Dhabi da dove era partito il 9 marzo 2015

L’aereo fotovoltaico è decollato dalla Spagna due giorni fa. Il velivolo è entrato nello spazio aereo egiziano attorno alle 15, ora locale, e dopo aver sorvolato il paese, piramidi di Giza comprese, è atterrato all’aeroporto del Cairo. Nella tappa che ha collegato Siviglia al Cairo, Solar Impulse 2 è stato pilotato dallo svizzero, André Borschberg, alla cloche per l’ultima volta in questa avventura. Per la diciassettesima ed ultima tappa, Solar Impulse 2 sarà guidato dall’altro pilota svizzero Bertrand Piccard, che è anche direttore del progetto e che lo porterà a concludere il suo periplo.

Il velivolo monoposto in fibra di carbonio ha una apertura alare di 72 metri per un peso di 2.300 Kg, più o meno quello di una macchina, procede a una velocità media di circa 50 chilometri orari grazie alle batterie che immagazzinano l’energia solare catturata da circa 17.000 celle solari applicate sulle ali.

E ‘stato fantastico, tutto è andato molto bene,” ha esclamato lo svizzero Borschberg in comunicazione con il centro di controllo del velivolo a Monaco, in diretta su internet . “Ho visto tutti i paesi, Algeria, Tunisia, Italia è stato bellissimo, ho visto tutto“, ha aggiunto.

solar impulse 2

Numeri e tappe di Solar Impulse

Record del Mondo: 8 – Voli: 16 – Distanza percorsa: Km. 40.347 – Ore di volo: 509h29m – Simulazioni di volo: 16.392 – Energia solare: 10.737 kWh, questi i numeri di Solar Impulse fin ora.

Le tappe di Solar Impulse: Mascate (Oman), Ahmedabad e Varanasi (India), Mandalay (Birmania), Chongqing e Nanjing (Cina) e Nagoya (Giappone) poi traversata del Pacifico fino alle Hawaii (USA), dove ha avuto un imprevista sosta tecnica di diversi mesi, prima di raggiungere e attraversare il Nord America, fermandosi a San Francisco, Phoenix, Tulsa, Dayton, Lehigh Valley e New York. Poi aveva attraversato l’Atlantico per atterrare a Siviglia il 23 giugno e, oggi, al Cairo.

solar impulse 2

solar impulse 2