Sanremo 2020. Chiara Ferragni: “Colpita dall’aggressività Codacons nei miei confronti”

Il lungo comunicato dell'imprenditrice digitale

ROMA – Nelle ultime ore è circolata la notizia di una possibile partecipazione di Chiara Ferragni alla 70ma edizione del Festival di Sanremo in veste di valletta. Il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori), non ritenendo l’imprenditrice digitale un modello da seguire, avrebbe minacciato di procedere per vie legali qualora la Rai e Amadeus avessero confermato questa scelta.

La CEO di Tbs Crew e di Chiara Ferragni Collection non ci sta e risponde “all’aggressività” del Codacons attraverso un comunicato stampa: 

Sono molto colpita del tempo e dell’aggressività che nelle ultime settimane il Codacons ha destinato alla mia persona e ai progetti che mi riguardano con dichiarazioni infondate e dal contenuto diffamatorio, che screditano me e comunicano ai consumatori informazioni errate. E’ stato consigliato alla Rai di ‘individuare modelli più adatti all’interno di programmi diretti ad un vasto pubblico’ insinuando in maniera arbitraria che io sia un modello sbagliato. Ulteriore diffamazione è stata rivolta a ‘Chiara Ferragni – Unposted’, che viene definita in maniera totalmente denigratoria ‘pseudo-documentario […] Sono rammaricata di come una associazione che tanto ha fatto e tanto fa ogni giorno per noi consumatori non abbia mai cercato un confronto con me e le mie società per delineare nuove regole a tutela del consumo, ma abbia invece scelto la via dei comunicati ostili e infruttuosi. Spero che il Codacons continui a lavorare per tutelare i consumatori. Io sono pronta a dare la mia disponibilità“.

Il comunicato:

2020-01-21T12:41:16+01:00