In un video la didattica a distanza vista dagli alunni

VIDEO | In un video la didattica a distanza vista dagli alunni

Il corto realizzato dalla scuola primaria 'S.Lorenzo' di Parabiago
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Un breve corto di animazione, che alterna grafiche e disegni a mano libera, per raccontare la loro didattica a distanza e dire a tutti quanta nostalgia abbiano della scuola. E tutto per colpa di “quel mostriciattolo del coronavirus”. Il prodotto è stato realizzato dagli alunni della scuola primaria ‘S.Lorenzo’ dell’istituto comprensivo ‘viale Legnano’ di Parabiago e pubblicato su ‘La scuola fa notizia‘, il giornale degli studenti promosso da diregiovani.it.

“Il tempo passava e noi non potevamo più vedere i nostri amici. Potevamo prendere per mano solo noi stessi. Allora le maestre ebbero una idea” raccontano nel video i giovani narratori. “Pensavate di essere in vacanza?- risponde una maestra- la scuola continua anche a distanza!”. E così “la live”, come chiamano gli alunni la didattica digitale, diventa “felice”: “I miei compagni e le maestre non si dimenticheranno di me. Ognuno nella sua stanza a un metro di distanza, tutti insieme ti batteremo e a scuola torneremo- rimano rivolgendosi al virus- la scuola deve andare avanti perché l’istruzione è importante. Per noi è semplice studiare da casa perché siamo abituati alla tecnologia. E se rispetteremo le regole tutto andrà bene”.

“Abbiamo avuto l’idea di usare il linguaggio dei ragazzi con pensieri che partivano da loro- racconta a diregiovani.it la dirigente scolastica Monica Fugaro– Siccome avevamo chiesto loro di valutare la didattica, abbiamo trasformato le loro pagelle in un video che raccoglie le loro opinioni e questo grazie alle nostre docenti, spesso precarie, che si sono date da fare con fantasia e competenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it