Coding per tutti, a lezione di programmazione su #LaScuolaNonSiFerma

Coding per tutti, a lezione di programmazione su #LaScuolaNonSiFerma

Sulla pagina Facebook del ministero dell'Istruzione la diretta con Alessandro Bogliolo dell'università di Urbino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Come utilizzare il linguaggio del pensiero computazionale, il coding, in classe e a casa, per apprendere nuove skill e per risolvere problemi dal più semplice al più complesso. Questo il tema affrontato oggi durante la diretta de la #LaScuolaNonSiFerma, l’appuntamento di ogni martedì e venerdì pomeriggio sulla pagina Facebook del ministero dell’Istruzione che, insieme a diregiovani.it, racconta come la scuola sta vivendo l’emergenza coronavirus.

Ospite della diretta il professore Alessandro Bogliolo, docente di informatica all’università di Urbino conosciuto da docenti e studenti delle scuole per i suoi progetti dove spiega il linguaggio del coding, incoraggiando studenti e docenti ad applicarlo a enigmi, giochi e sfide che accrescono le competenze di alunni, insegnanti e, perché no, anche genitori.

“Il coding fa riferimento alla programmazione di calcolatori ideali, quindi dei robot o delle macchine che rispondono ai comandi che noi gli inviamo- spiega il professore Bogliolo– il suo linguaggio è estremamente utile per arrivare alla soluzione di un problema che può essere complesso ma anche molto semplice. Ecco perché tutti possono iniziare a fare coding”.

Ma come si crea un gioco con il coding? E proprio quello che Bogliolo ha mostrato durante la diretta:

“Le cose più semplici da fare sono proprio i giochi- sottolinea il professore- il coding è sì programmazione, ma è talmente semplice da non avere prerequisiti, nemmeno di materiali”.

Ed ecco infatti che Bogliolo mostra in diretta un gioco dove la scacchiera è disegnata e le pedine sono pastelli, associando un turno ad ogni giocatore con delle specifiche mosse da fargli eseguire, e dei nomi: quello di Ada Lovelace e Charles Baggage, la prima programmatrice della storia e un matematico inglese che per primo ebbe l’idea di un calcolatore programmabile.

“Questo gioco di spostamento delle pedine è molto semplice- spiega il professore- ma partendo da questo esempio le situazioni sono infinite e possono certamente essere usate anche nella didattica, potendo coltivare la propria creatività anche da casa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it