Scuola, preside istituto Giordano di Venafro: "Riapertura argomento delicato"

Scuola, preside istituto Giordano di Venafro: “Riapertura argomento delicato”

Sulla maturità: "Meglio online come laurea all'università"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La didattica a distanza è un rimedio a una situazione emergenziale che non può sostituire integralmente quella in presenza. Se anche a settembre dovremmo usarla, va immaginato un nuovo metodo, magari un utilizzo misto”.

Così la dirigente scolastica dell’istituto omnicomprensivo ‘Giordano’ di Venafro Carmela Concilio esprime a diregiovani.it le preoccupazioni derivanti da un prosieguo dell’utilizzo della didattica da remoto a settembre.

“Aspettiamo ovviamente le direttive ministeriali, tuttavia è difficile immaginare di spiegare ai più piccoli della scuola primaria o della materna le misure di distanziamento individuale o, ancora di più, l’eventuale possibilità di utilizzare dispositivi di protezione individuale”, aggiunge la preside Concilio.

La modalità di ripresa delle lezioni dunque è, secondo Concilio, argomento delicato, che pone le scuole di fronte a situazione difficili da valutare anche nel breve periodo, come nel caso della maturità.

“Non sappiamo ancora se l’esame di svolgerà in presenza o meno- spiega la dirigente– tuttavia mi chiedo, se non sia il caso di prevedere una maturità esclusivamente online come per le sedute di laurea. È noto che l’esame di stato fa muovere molte persone tra docenti e studenti. Tutto ciò ovviamente al netto del dispiacere per gli studenti e le studentesse del quinto anno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it