Milan-Inter, il vero scontro è in tribuna: sugli spalti la lite tra Ghali e Salvini

Atmosfera accesa e parole che volano come testimoniano i video comparsi online

Non si è giocato solo sul campo di calcio il derby tra Milan e Inter, ieri sera di scena allo stadio San Siro di Milano. Il vero scontro, almeno quello di cui tutti parlano oggi, è avvenuto in tribuna. Protagonisti due tifosi d’eccezione: Ghali e Salvini. Atmosfera accesa e parole che volano in un dibattito celato dalle urla dei tifosi. A innescare la lite, secondo quanto si legge nei racconti dei presenti, sarebbe stato il rapper ma non vi è nessuna certezza. A parlare è video comparso online diffuso dalla pagina Welcome to Favelas.

Il video

In una nota la Lega ha spiegato la questione:

“Matteo Salvini è stato aggredito verbalmente da Ghali durante il primo tempo di Milan-Inter di ieri sera. Il leader della Lega era in tribuna con il figlio, e subito dopo il gol del pareggio gli si è avvicinato il rapper in evidente stato di agitazione. Ghali ha urlato una serie di insulti e di accuse farneticanti a proposito dell’immigrazione – cercando di filmarsi col cellulare – ed è stato subito allontanato, tra lo sconcerto degli altri spettatori. La società rossonera si è scusata con Salvini, che sul momento non aveva riconosciuto Ghali né aveva compreso i motivi della sua alterazione”.

Ghali, al momento, non ha rilasciato nessun commento ufficiale.

I rapporti tra Ghali e Salvini

I rapporti tra il leader della Lega e l’artista non sono mai stati rosei ed è lo stesso Ghali a parlarne in uno dei suoi pezzi più recenti: “Vossi Bop”, il remix italiano della hit del collega britannico Stormzy.

“Salvini dice che chi è arrivato col gommon’ non può stare .it ma stare .com”, canta Ghali che aggiunge: “Alla partita del Milan ero in tribuna con gente. C’era un politico fascista che annusava l’ambiente”. Salvini dopo l’uscita della canzone aveva prontamente risposto su Twitter: “Mi insulta ma la sua musica non mi dispiace, è grave?”.

 

2021-11-08T17:46:13+01:00